Myriam Catania, chi è il padre Vincenzo Catania: età, foto, lavoro

Myriam Catania è figlia di Rossella Izzo e del ginecologo Vincenzo Catania. Ecco tutto quel che c’è da sapere su quest’ultimo.

Vincenzo Catania è un affermato e stimato ginecologo e docente universitario che conduce una vita lontana anni luce da quella della più nota (almeno ai riflettori dello spettacolo) figlia Myriam, che però ha confessato di essere molto legata al genitore. Conosciamolo più da vicino.

Leggi anche –> Myriam Catania, perché è famosa: figlia d’arte, ex marito e compagno

Leggi anche –> GFVip, Myriam Catania, insulti gravissimi contro Anna Tatangelo 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Vincenzo Catania

Il dottor Vincenzo Catania, figlia del ginecologo Giovanni Catania e Carmela Minardi, è da quasi trent’anni Dirigente medico nell’Ospedale S. Pertini di Roma di un’Unità Operativa Dipartimentale di Fisiopatologia della Riproduzione e Terapia della Sterilità di coppia, dopo aver lavorato per oltre 12 anni come Dirigente de, Centro Sterilità di Coppia presso l’Ospedale S. Anna di Roma. Si è laureato nel 1969 in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma ‘La Sapienza’, conseguendo poi il titolo di Specializzazione in Ginecologia ed Ostetricia.

Suo padre Giovanni aiutò a nascere migliaia di bambini a partire dagli anni ’60 e fino ai ’90. Vincenzo Catania si è sposato nel 1976 a Gela con l’attrice e doppiatrice Rossella Izzo nella imponente villa di via Rio de Janeiro, dove ha animato la serata Antonello Venditti a quel tempo sposato con Simona Izzo. Dal loro matrimonio sono nati tre figli: la primogenita Myriam Catania è diventata una famosa attrice e doppiatrice, Giulia e Gianmario, che lavora come tecnico degli effetti speciali.

Leggi anche –> GF Vip, Antonella Elia contro Myriam Catania: “Bambina capricciosa”

Leggi anche –> Luca Argentero, le prime parole a Myriam Catania dopo il coma 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Tutti insieme!

Un post condiviso da Rossella Izzo (@rossaizzo) in data:

EDS