Sport a contatto, possibile chiusura del Governo: le ipotesi

Il calcio dilettantistico potrebbe fermarsi nuovamente dopo l’aumento di contagi al Covid-19: stretta tra il premier Conte e le Regioni

(screenshot video)

Ancora un nuovo Dpcm dovrebbe arrivare nelle prossime ore. Dopo la scelta del governatore della Lombardia, Attilio Fontana, che ha sospeso nella giornata di ieri tutto lo sport dilettantistico, anche il Governo potrebbe fermare momentaneamente lo sport di contatto a livello dilettantistico lasciando così la possibilità di fare allenamenti in forma singola. I contagi in Italia aumentano sempre e così nella giornata di ieri ci sarebbe stata una nuova stretta tra Conte e le Regioni: tra domenica e lunedì andrà in vigore un nuovo decreto per le prossime settimane per contrastare nuovamente l’emergenza sanitaria. Come svelato dall’edizione de “Il Corriere dello Sport” ci sarebbero ancora dubbi su palestre e piscine, che potrebbero essere chiuse nuovamente. Da considerare poi gli stadi con problemi anche per pallavolo e basket.

Leggi anche –> Coronavirus, teoria negazionista della sorella di Ronaldo: “Grande frode”

Leggi anche –> Cristiano Ronaldo torna in Italia: è positivo al Coronavirus

Sport a contatto, ancora una sospensione: la decisione

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il presidente federale, Gianni Petrucci, ha svelato ai microfoni de “Il Messaggero” tutte le sue perplessità: “Il basket è veramente offeso. Qui si apre e si chiude stile porta girevole. Non c’è solo l’aspetto ludico, il nostro è un settore economico e sociale del Paese e chi ci dovrebbe tutelare non lo fa. Le nostre società sono aziende. Se dovesse saltare l’incasso dei biglietti dovranno fare un ristorno dei soldi mancanti. Se il calcio rischia di fallire, figuratevi gli altri sport…”. Una situazione davvero paradossale e difficile con la possibilità di nuovi scontri nelle prossime ore. Gli sport dilettantistici potrebbero così fermarsi nuovamente per ritornare alla stabilità in poco senza ricorrere al lockdown generale come avvenuto a marzo.