Derby di Milano, folla di tifosi fuori da San Siro: “Zero distanziamento”

All’estero di uno stadio di San Siro deserto per via del Coronavirus i tifosi non rinunciano a far sentire la loro presenza per il Derby: tutti con le mascherine ma purtroppo senza distanziamento. 

L’attesissimo Derby di Milano si giocherà in uno stadio di San Siro vuoto per via dell’emergenza Coronavirus, ma i tifosi di Inter e Milan non hanno voluto far mancare il loro sostegno alle rispettive squadre del cuore. Così, almeno un migliaio di sostenitori nerazzurri, tutti muniti di mascherina ma senza rispettare l’obbligo di distanziamento, si sono radunati all’esterno dello stadio per accogliere i due pullman con a bordo il team di Antonio Conte. Sotto l’occhiuta sorveglianza delle forze dell’ordine, i mezzi hanno impiegato oltre tre minuti a percorrere gli ultimi cento metri nella folla, fra bandiere sventolanti, striscioni e fumogeni, prima di infilarsi nel garage.

I sostenitori milanisti hanno seguito più o meno lo stesso copione, organizzando un nutrito corteo di moto e motorini per accompagnare il pullman della squadra di Stefano Pioli dall’hotel del ritiro fino a San Siro. Un modo per provare a rivivere emozioni che la pandemia, almeno per ora, ha rinviato a data da destinarsi. Ma con qualche “sgarro” di troppo.

Leggi anche –> Serie A, continuano ad aumentare i casi di Covid: positivo Dragus del Crotone

Leggi anche –> Inter Milan Serie A TIM: streaming, formazioni, precedenti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I tifosi accalcati per il Derby in barba alle norme anti-Coronavirus

Passione sportiva a parte, è clamoroso quello che è accaduto circa un’ora prima del Derby di Milano, con una folla incredibile di tifosi milanisti che ha rallentato la marcia del il bus della squadra di Pioli non rispettando le distanze di sicurezza vigenti per contrastare la diffusione del Coronavirus. Tanto più che proprio la Lombardia e soprattutto la città di Milano sono tra le zone in Italia con il numero più alto di positivi, come conferma anche l’ultimo bollettino dell’emergenza Covid-19.

EDS