Coronavirus, numeri da paura nel Lazio: 994 nuovi positivi e 12 morti

I dati di oggi sabato 17 ottobre certificano che anche il Lazio è in piena emergenza Coronavirus con una percentuale di “positività” del 3,6%.

Sale l’allerta Coronavirus anche nel Lazio: gli ultimi dati indicano 994 nuovi positivi e 12 morti, a fronte di un numero record di tamponi: ben 28mila. La percentuale di “positività” è del 3,6%. E’ quanto emerso e discusso nell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere, Policlinici universitari e l’ospedale Pediatrico Bambino Gesù, alla presenza dell’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato.

Leggi anche –> Coronavirus, prime indiscrezioni sul Dpcm: ecco chi dovrà chiudere

Leggi anche –> Coronavirus, De Luca torna indietro e riapre scuole materne e nidi 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Roma e dintorni nella morsa del Coronavirus

“C’è troppa psicosi per i tamponi – ha osservato D’Amato – ne stiamo facendo un numero enorme, il più alto numero di testati in rapporto alla popolazione. Ricordo che è opportuno che ci sia un’indicazione medica e soprattutto per i casi di contatto è inutile fare la corsa al tampone nell’immediatezza. Serve contattare il proprio medico, seguire le sue indicazioni e aspettare almeno il periodo dell’incubazione altrimenti il rischio è quello di non accertare un’eventuale positività”.

Nella Asl Roma 1, in particolare, sono 173 i casi nelle ultime 24h e 5 i decessi di 81, 87, 89, 92 e 99 anni con patologie; 250 nella Asl Roma 2 e 3 decessi di 70, 85 e 95 anni con patologie; 71 nella Asl Roma 3 e 1 decesso di 92 anni con patologie; 48 nella Asl Roma 4; 55 nella Asl Roma 5 e 1 decesso di 88 anni con patologie; 59 nella Asl Roma 6. Nelle province si registrano invece 338 casi e 2 decessi nelle ultime 24h. Numeri che tengono col fiato sospeso l’intera regione.

Leggi anche –> Coronavirus, l’appello accorato dei medici: “Restate in casa” 

Leggi anche –> Coronavirus, appello ai cittadini: “Necessario un autolockdown” 

EDS