Red Ronnie a processo: finito nei guai per un post sui social

Il noto critico musicale e conduttore tv Red Ronnie a processo: finito nei guai per un post sui social contro Roberto Burioni.

(screenshot video)

Gabriele Ansaloni, in arte Red Ronnie, è forse il più noto critico musicale d’Italia: il suo Roxy Bar a cavallo tra anni Ottanta e anni Novanta ha accompagnato in un viaggio nella musica alcune generazioni di italiani. Si torna ora a parlare di lui, ma stavolta la musica non c’entra nulla.

Leggi anche: Chi è Red Ronnie: età, carriera e vita privata del conduttore

Infatti, Red Ronnie è finito sotto processo per una sua frase scritta sui social network e rivolta al medico forse più mediaticamente noto, quel Roberto Burioni che negli anni si è costruito una fama, diffusasi anche sui social network, dove è molto seguito. Il 15 maggio 2016, dopo un dibattito nella trasmissione ‘Virus’, il conduttore tv si lasciò andare a un commento social.

Leggi anche: Red Ronnie contro Mara Maionchi: “Sfornate solo ragazzini…” – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le accuse di Red Ronnie a Roberto Burioni

Red Ronnie chi è

Nello specifico, arrivò ad accusare Roberto Burioni di conflitto di interessi, sottolineando come questi fosse alla “ricerca di protagonismo” e “legato a interessi economici”. Concetti accompagnati anche da altre accuse. Il conduttore infatti riportò l’email che aveva ricevuto e che se la prendeva con il noto virologo: “In questo suo ruolo di moralizzatore, nasconde un lapalissiano conflitto di interessi, ossia l’impegno, in campo vaccinale, di tanti suoi brevetti”.

Roberto Burioni, in quel periodo, era in prima linea per la battaglia a favore dell’obbligatorietà dei vaccini e si era trovato spesso a scontrarsi con alcuni personaggi del mondo televisivo, politico e dello spettacolo, che erano invece degli antivaccinisti. Quella con Red Ronnie è forse una delle polemiche più dure tra quelle sostenute. L’imputato ha chiesto e ottenuto il rito abbreviato e il processo si discuterà il 23 marzo. Viene difeso dall’avvocato Guido Magnisi.

Red Ronnie chi è