Cristiano Ronaldo replica alle polemiche: “Protocollo rispettato”

Dopo il contestato rientro dal Portogallo, Cristiano Ronaldo replica alle polemiche: “Protocollo rispettato”, si esprime la Asl.

(Valerio Pennicino/Getty Images)

Polemiche rispetto alla scelta dell’attaccante della Juventus Cristiano Ronaldo, tornato in Italia a bordo del proprio jet privato, dopo la sua positività al Coronavirus. Contro di lui si è schierato anche il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, sostenendo che il campione portoghese non avrebbe rispettato il protocollo.

Leggi anche: Cristiano Ronaldo torna in Italia: è positivo al Coronavirus

Così, CR7 in una diretta Instagram prova a far valere le proprie ragioni e spiega che a suo avviso non avrebbe violato alcun protocollo. “Sto rispettando il protocollo, non l’ho infranto come è stato detto: è una bugia” – ha affermato – “Sono rientrato dal Portogallo perché io e la mia squadra ci siamo assicurati di rispettare tutte le procedure”.

Leggi anche: Ronaldo, l’accusa del ministro dello sport: “Violato il protocollo anti-Covid”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La difesa di Cristiano Ronaldo sul rispetto del protocollo

Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo ha aggiunto: “Sono tornato in Italia in aereoambulanza e non ho avuto contatti con nessuno neanche a Torino”. Ha quindi ringraziato tutti per il supporto e spiegato ancora: “La mia famiglia è su un altro piano della casa, non possiamo avere contatti. Ma per ora è ok. Sono sempre in casa, ora sto prendendo il sole, anche per far passare la giornata. Vi prometto che prossimamente parlerò in inglese, un po’ in spagnolo e un po’ in italiano. Ma ho una sola bocca”.

Su quanto accaduto si è espresso anche il responsabile del Dipartimento Prevenzione dell’Asl Città di Torino Roberto Testi: “Non serviva nessuna autorizzazione per il rientro di Ronaldo, che ha fatto né più ne meno che quello che hanno fatto alcuni calciatori delle Nazionali azzurre quando sono risultati contagiati all’estero. Ha utilizzato un volo sanitario regolarmente autorizzato dall’Usmaf e non necessitava di alcuna altra autorizzazione. Ronaldo ha violato i protocolli, ma non quando è rientrato bensì quando è partito per il Portogallo. Ma questa era cosa già nota: ha violato le norme a inizio mese quando ha rotto l’isolamento che avrebbe dovuto osservare”.