Coronavirus, il professor Locatelli: “Nessun lockdown previsto”

L’aumento dei casi positivi al Covid-19 starebbe preoccupando gli italiani, ma il professor Locatelli predica calma: ecco il suo punto di vista

Locatelli

Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità e componente del comitato tecnico scientifico, CTS, Franco Locatelli, continua a predicare calma nonostante l’aumento dei contagi al Covid-19: “Siamo certamente in tempo per invertire la rotta. Dipende da come si comporteranno i singoli cittadini e come Paese andremo avanti. Non ci possiamo proprio più permettere deviazioni dalle buone regole”. Poi ha aggiunto: “La ripresa della curva epidemica coinvolge tutte le Regioni, più concentrate in alcune, come Lombardia, Campania e Piemonte. I focolai sparsi in tutt’Italia sono numerosi e soltanto con l’identificazione dei casi, possiamo contrastare il propagarsi di tutto ciò”.

Leggi anche –> Coronavirus Campania | De Luca | ‘Anche oggi troppi contagi’ 

Leggi anche –> Covid, l’appello di De Luca: “Se continuiamo così, la situazione diventa grave” 

Coronavirus, la versione del professor Locatelli

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Successivamente il professor Locatelli ha parlato dei rischi contagi nel nucleo familiare: “La cosiddetta “regola del 6” non è una legge ma una raccomandazione che, pur in assenza di un’indiscutibile evidenza scientifica, fondata su un principio ispiratore improntato a massima precauzione e strettamente connesso alla logica di evitare assembramenti in luoghi chiusi”. Infine, ha aggiunto la sua versione: “Al momento nessuna Regione ha finito  le risorse a disposizione. Infatti, i dati che si riferiscono a una tendenza all’esaurimento dei posti letto nelle rianimazioni, sono relativi alla dotazione aggiuntiva specifica per i pazienti affetti da COVID-19″.