Fabrizio Corona, altri 9 mesi di condanna: i legali si ribellano

Per l’ex paparazzo dei vip Fabrizio Corona, altri 9 mesi di condanna: i legali si ribellano contro il Tribunale di Sorveglianza.

(Instagram)

Nuova tegola giudiziaria per l’ex paparazzo dei vip, Fabrizio Corona: dovrà infatti scontare nuovamente i 9 mesi di carcere che aveva passato in affidamento terapeutico. La decisione del Tribunale di Sorveglianza di Milano viene aspramente contestata dagli avvocati del noto fotografo ed ex di Nina Moric.

LEGGI ANCHE –> Fabrizio Corona: “Voglio giustizia”, ma è bufera per le sue parole

Il provvedimento dei giudici riapre dunque la vicenda dei nove mesi, revocati per violazioni da parte dell’ex paparazzo dei vip, che si trova ai domiciliari in un percorso di affidamento. “Il Tribunale di Sorveglianza smentisce se stesso: prima ha detto una cosa sulle violazioni e oggi dice esattamente l’opposto di quanto aveva detto un anno fa”, recrimina su Instagram l’avvocato Chiesa, legale di Fabrizio Corona.

LEGGI ANCHE –> Fabrizio Corona: “Voglio giustizia”, ma è bufera per le sue parole

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I legali di Fabrizio Corona sui nuovi 9 mesi di condanna

(Instagram)

I mesi che vengono contestati sono quelli che vanno appunto da febbraio a novembre 2018, in cui Fabrizio Corona come detto era in affidamento terapeutico. Sottolinea Chiesa che “prima le violazioni erano meno importanti del percorso terapeutico fatto dal mio assistito, del comportamento che ha tenuto e della sua presa di coscienza di determinate regole, adesso avviene esattamente l’opposto. Le violazioni sono così gravi che bisogna revocare ex nunc”.

Chiosa l’avvocato Chiesa: “In 35 anni di carriera non mi è mai capitato e credo che una cosa del genere non sia capitata a nessuno dei miei colleghi del foro di Milano”. In tanti si schierano ora con l’ex paparazzo dei vip: “Purtroppo lo hanno preso di mira in maniera esagerata”, è uno dei commenti. Altri sottolineano: “Vogliono rovinare un uomo”. In molti invitano i legali di Corona a rivolgersi alla Corte di giustizia europea per quanto accaduto al loro assistito.