Covid19, Cartabellotta parla ai sindaci “imponete lockdown locali”

Il presidente di GIMBE Nino Cartabellotta si pronuncia sulla situazione Covid19 e lancia un appello ai sindaci affinché impongano lockdown locali, per arginare i contagi.

Nell’intervista a Open, Nino Cartabellotta, presidente della fondazione GIMBE, un ente di ricerca e formazione, si dice preoccupato per la situazione attuale del Covid19 in Italia: i casi stanno aumentando e la soluzione sarebbe imporre dei lockdown locali, per arginare i focolai di contagio il prima possibile.

Leggi anche –> Federica Pellegrini positiva al Coronavirus, l’annuncio in lacrime: Sto male

La situazione dei contagi in Italia

Leggi anche –> Coronavirus, svolta De Luca: scuole chiuse in Campania fino al 30 ottobre

«Che anche incrementando il numero di tamponi, il virus circola sempre di più di quanto noi lo cerchiamo. E questo inevitabilmente fa schizzare in alto la curva dei contagi. Con l’incremento dei nuovi casi si espande il bacino dei casi attualmente positivi, che nell’ultima settimana hanno fatto un balzo: un enorme volume di contagi che circolano e che diventa occasione di contagio di soggetti fragili e anziani.”  Queste le preoccupanti parole di Nicola Cartabellota nell’intervista a Open in cui non si ritiene soddisfatto del modo in cui si sta facendo fronte all’epidemia in questo momento in cui siamo tornati ad una vita più o meno normale dopo i duri quattro mesi del lockdown.

“Per tenere la situazione sotto controllo bisognava fare più tamponi, isolare i focolai – che un mese fa erano assai meno rispetto a oggi – non fare perdere il controllo dell’epidemia ai servizi territoriali» continua il presidente del GIMBE.

Sull‘ipotesi di un ritorno ad un lockdown totale, Cartebellota esprime il dovere di lavorare tutti affinché non succede. Lavorare tutti e in modo compatto: “se le azioni sono frammentate e coordinate è un problema, perché il virus ha una velocità di diffusione che nemmeno immaginiamo”. Per scongiurare il discusso lockdown natalizio, lo studioso ribadisce l’appello ai sindaci di spegnere i focolai locali con chiusure mirate, per colpire il virus prima che si diffonda a livello nazionale.

Leggi anche –> Remdesivir, in uno studio la verità sul farmaco anti-Coronavirus