Giudice sportivo: Juve-Napoli 3-0 a tavolino

Juve-Napoli 3-0 a tavolino: è questa la sentenza del giudice sportivo sulla partita in calendario il 4 ottobre, ma mai giocata per il mancato arrivo a Torino della squadra partenopea.

Il giudice sportivo ha dichiarato “inammissibile” il reclamo del Napoli e applica lo 0-3 a tavolino nella sfida non disputata contro la Juventus, con un punto di penalizzazione nella classifica della stagione in corso. Questa la sentenza emessa da Gerardo Mastrandrea sulla partita in calendario il 4 ottobre, ma mai giocata per il mancato arrivo a Torino della squadra partenopea. Si chiude così una querelle che ha tenuto col fiato sospeso molto giocatori nelle ultime ore.

Leggi anche –> Coronavirus, scoppia il caso Monza: 7 calciatori positivi e 2 in isolamento

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il match Juve-Napoli ai tempi del Coronavirus

Come accennato, il giudice sportivo Gerardo Mastrandrea ha inflitto un punto di penalizzazione in classifica alla squadra partenopea per la violazione del protocollo della Figc. E ha dichiarato inammissibile, respingendolo comunque nel merito, il reclamo avverso la regolarità della gara proposta dal Napoli, rimettendo gli atti alla Procura Federale per le valutazioni e le determinazione di competenza.

Al Napoli, rimasto in Campania per disposizione della Asl in seguito alla positività al Coronavirus di Elmas e Zielinski, veniva imputato il mancato rispetto del protocollo federale e della disposizione Uefa che prevede la disputa della gara in caso di disponibilità di 13 giocatori. Il club partenopeo, invece, aveva opposto il legittimo impedimento a partire per il provvedimento dell’autorità sanitaria, che ha disposto l’isolamento fiduciario per tutte le persone entrate in contatto con i due giocatori positivi. E’ il calcio ai tempi del Coronavirus, bellezza.

Leggi anche –> Coronavirus, presidente Uefa Ceferin: “Euro2020 si giocherà”   

Leggi anche –> Papà Totti | svolto il funerale del signor Enzo | ‘Buon viaggio’ | FOTO

EDS