Carolina Crescentini ‘terrorizzata’: “Passati momenti tristissimi”

L’attrice Carolina Crescentini in un’intervista recente si è detta ‘terrorizzata’ dal lockdown Coronavirus: “Passati momenti tristissimi”.

(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

In queste settimane la vediamo in tv su Raidue nella fortunata fiction Mare fuori: lei è Carolina Crescentini, attrice che è amatissima dal pubblico, anche e soprattutto per la sua partecipazione alla serie tv Boris nel ruolo di Corinna. Sposata con il cantante Motta, quest’anno ha compiuto 40 anni.

Leggi anche: Carolina Crescentini e Motta sposi: matrimonio segreto in Toscana

Un compleanno difficile, reso molto amaro dal lockdown legato al Coronavirus, come ha confessato qualche tempo fa a ‘Diva e Donna’: “L’unica cosa che volevo per i miei 40 anni era un festone, che ho fatto virtualmente su Zoom. E’ stato emozionante lo stesso. La festa la farò, è rimandata a quando si potrà fare in piena sicurezza: io sono una da baci e abbracci”.

Leggi anche: Carolina Crescentini, carriera e curiosità sull’attrice di ‘Purché finisca bene’

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo stato d’animo di Carolina Crescentini dopo il lockdown

(ALBERTO PIZZOLI/AFP via Getty Images)

Ma nella stessa intervista l’attrice si dice molto scossa da quanto avvenuto, con particolare riferimento proprio alla situazione Coronavirus. Queste le sue parole: “È stato un periodo molto bizzarro perché all’inizio ero completamente incredula. Dovevamo andare a Napoli per girare la fiction “I bastardi di Pizzofalcone”. La mia valigia è rimasta all’ingresso almeno un mese pensando fosse una fase, poi è iniziato il lockdown e seguivo gli aggiornamenti della pandemia in tv”.

“Ero seriamente terrorizzata, cercavo di convincere i miei genitori di stare fermi a casa, gli portavo la spesa e dovevamo salutarci a distanza, sul pianerottolo, come tutti”, aggiunge concludendo poi: “È stato un momento tristissimo. Poi mi sono buttata sui libri, ad ascoltare musica, vedere film, curare le piante, però la vita in gabbia è stata difficile per tanti. Ora lo stato di agitazione e preoccupazione continua a esserci, è palpabile”.