Giuseppe Conte: “Non possiamo mandare la polizia a casa della gente”

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha commentato il nuovo DPCM: “Non possiamo mandare la polizia a casa della gente”.

(screenshot video)

Nel pomeriggio di oggi, in conferenza stampa, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha commentato e spiegato quanto contiene il decreto ministeriale anti Coronavirus licenziato ieri. Un decreto che all’apparenza sembra mettere tutti d’accordo, sebbene colpisca nuovamente bar e ristoranti, che già hanno pagato il dazio del lockdown totale di marzo.

Leggi anche: Coronavirus Italia | ‘Il 75% dei contagi avviene a casa in famiglia’

Il premier sottolinea: “Le misure del nuovo Dpcm ci consentiranno di affrontare questa nuova fase della pandemia. La curva epidemiologica sta risalendo. L’Italia è in condizione migliore di altri Paesi ma non si può permettere nessuna distrazione. Non possiamo abbassare il livello di attenzione”. Mentre parla, arriva un nuovo bilancio dei contagi da record: quasi 6mila nuovi positivi, 41 morti e un boom di terapie intensive, oltre 60 in più.

Leggi anche: Caos Giro d’Italia: 8 positivi al Coronavirus, si ritirano 2 squadre

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le parole di Giuseppe Conte sul DPCM Coronavirus approvato nella notte

(screenshot video)

Come noto, la serrata per locali come pub, bar e ristoranti è a mezzanotte, ma non solo: “Dalle 21 si potrà solo consumare ai tavoli e non si potrà più consumare fuori per evitare assembramenti. Discoteche e sale da ballo il governo non le ha mai aperte: resteranno chiuse. Nei locali pubblici non saranno più consentite feste a meno che non siano connesse a cerimonie come matrimoni o battesimi e anche in questi casi con il limite di trenta partecipanti”.

Quindi l’appello a migliorare i comportamenti anche nelle case private. Dice chiaramente Conte: “Non manderemo le forze di polizia nelle abitazioni private, però dobbiamo assumere comportamenti prudenti per gestire la fase”. Infine lancia un appello: “Dobbiamo indossare mascherine se ci si avvicina a persone fragili, se si ricevono ospiti e vi invitiamo a limitare il numero di ospiti non più di sei e di non svolgere feste e party in casa, sono situazioni di insidie pericolose”.