Coronavirus, falsi miti e realtà: ecco come si trasmette veramente

Secondo una nuova ricerca la maggior parte dei soggetti positive al tampone per il Coronavirus non infetta nessuno. Vediamo insieme quali sono i rischi reali. 

Un nuovo studio di tracciamento epidemiologico sul Coronavirus pubblicato su Science, il più ampio mai condotto finora, sfata una serie di falsi miti e credenze sulla pandemia che sta tenendo il mondo col fiato sospeso. A partire dal rapporto tra positività e contagi: la gran parte delle persone positive al tampone, infatti, non infetta nessuno. Può sembrare illogico o controintuitivo, ma tant’è.

La ricerca, condotta negli Stati indiani di Andhra Pradesh e Tamil Nadu, dove i sistemi sanitari dispongono di efficaci sistemi di sorveglianza sviluppati durante l’epidemia di Aids, ha preso in esame oltre mezzo milione di persone sottoposte a tampone. I risultati confermano che la pandemia non si diffonde nella popolazione in modo uniforme ma a grappoli (o cluster). Numeri alla mano, il 70% delle persone risultate positive non ha contagiato nessun altro, e il 60% di tutti i contagi è riconducibile ad appena l’8% degli infetti.

Leggi anche –> Stephan El Shaarawy positivo al Coronavirus: è il primo azzurro 

Leggi anche –> Coronavirus: 2 casi sospetti nella Nazionale azzurra di calcio 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La strategia più efficace per evitare il contagio da Coronavirus

Il dato che emerge è che l’epidemia di Coronavirus sembra avanzare sotto la spinta di singoli eventi di superdiffusione in cui una persona positiva viene a trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato, finendo per contagiarne molte altre. Gli esperti hanno cercato di tracciare un identikit del superdiffusore (o superspreader) e identificare quali caratteristiche potessero favorire la trasmissione del virus. La biologia sembra giocare un ruolo marginale rispetto al contesto ambientale: sono soprattutto ambienti e comportamenti a rischio a favorire la superdiffusione.

I luoghi/contesti dove tenere alta, anzi altissima la guardia sono ospedali, residenze per anziani, mezzi di trasporto, bar e ristoranti, palestre, impianti di lavorazione della carne, riunioni di lavoro, luoghi di culto, call center, prigioni, navi da crociera ed eventi come matrimoni, funerali o feste private. Le scuole, invece, sembrano essere meno rischiose di quanto si possa temere, ma visto in gran parte del mondo sono state riaperte solo poche settimane fa, è ancora presto per trarre conclusioni. In Giappone le autorità sanitarie raccomandano la regola delle “tre C”: evitare spazi chiusi e poco ventilati (closed spaces), luoghi affollati (crowded spaces) e contatti ravvicinati (close-contact), ferme restando tutte le altre misure di default, a partire dalla mascherina.

EDS

Coronavirus test rapidi ai turisti