Coronavirus, 89enne si riammala e muore

La vittima è un’anziana olandese che aveva contratto per la seconda volta – ma in forma molto più grave – l’infezione da Coronavirus. 

infermiere killer

Una donna olandese di 89 anni affetta da una rara formo di cancro al midollo osseo è morta dopo aver contratto il Coronavirus per la seconda volta. L’anziana era risultata positiva per la prima volta dopo essere andata al pronto soccorso per tosse grave e febbre. La reinfezione, purtroppo, è stata molto più aggressiva e le è costata la vita.

Leggi anche –> Cristiano Ronaldo positivo al Coronavirus: le sue condizioni 

Leggi anche –> Coronavirus Italia | ‘Il 75% dei contagi avviene a casa in famiglia’ 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Secondo quando si legge in un report pubblicato dalla Oxford University Press, l’89enne aveva iniziato un nuovo trattamento chemioterapico per curare la macroglobulinemia di Waldenstrom. Due giorni dopo, e a due mesi esatti dalla prima diagnosi di Coronavirus, aveva manifestato febbre, tosse e difficoltà o respiro affannoso. Risultata nuovamente positiva, è stata ricoverata e a otto giorni dalla reinfezione le sue condizioni sono peggiorate. Nel giro di qualche giorno, purtroppo, l’anziana è morta.

“Il nostro paziente era immunocompromesso, a causa della macroglobulinemia di Waldenstrom trattata con una terapia di deplezione delle cellule B, con conseguente diminuzione dell’immunità umorale”, hanno scritto i ricercatori . “Tuttavia, è stato dimostrato che la terapia per l’esaurimento delle cellule B non si traduce necessariamente in una malattia pericolosa per la vita, suggerendo che la risposta immunitaria innata e l’immunità delle cellule T possono essere sufficienti per eliminare SARS-CoV-2”. Sono stati segnalati casi di reinfezione nei Paesi Bassi, a Hong Kong e in Nevada, Belgio ed Ecuador, ma solo in pochi soggetti il secondo contagio è stato più grave.

Leggi anche –> Caos Giro d’Italia: 8 positivi al Coronavirus, si ritirano 2 squadre 

Leggi anche –> Coronavirus, stop al vaccino Johnson&Johnson: una “cavia” si è ammalata 

EDS

terapia intensiva