Coronavirus, mascherina obbligatoria anche per attività motoria all’aperto

Introdotto l’obbligo di mascherina anche per attività motoria all’aperto e scattano multe per chi trasforma bar e pub in sale da ballo: ecco tutte le novità. 

Anche chi fa attività motoria all’aperto dovrà indossare obbligatoriamente la mascherina. E’ quanto spiega il Viminale in una circolare con alcuni chiarimenti sul decreto legge approvato il 7 ottobre. Nelle bozze circolate nei giorni scorsi si leggeva che dall’obbligo di usare la mascherina erano esentati “i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva o motoria”, ma nel testo pubblicato in Gazzetta l’esenzione è rimasta solo per chi fa attività sportiva.

Leggi anche –> Coronavirus, il ministro Speranza: “Il vaccino arriverà molto presto” 

Leggi anche –> Coronavirus, le mascherine diminuiscono i contagi: attenzione al particolare

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI 

La stretta sull’obbligo di mascherina e non solo

Stando alla definizione del Ministero della Salute, per “attività motoria” si intende l’attività fisica ovvero “qualunque movimento determinato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un dispendio energetico superiore a quello delle condizioni di riposo”. Da non confondere con l’attività sportiva, che invece “comprende situazioni competitive strutturate e sottoposte a regole ben precise”. Tradotto: chi vuol fare la classica corsa al parco dovrà indossare la mascherina.

Non è tutto. Sono infatti in arrivo pesanti sanzioni per tutti quei bar, pub e ristoranti che trasformano le proprie sale in attività di ballo. Il capo di gabinetto del Viminale Bruno Frattasi scrive nella circolare esplicativa del decreto legge del 7 ottobre inviata ai Prefetti che “l’eventuale offerta di attività danzanti da parte di esercenti di altra tipologia (ristoranti, bar, pub e simili) è da ritenersi parimenti interdetta e, pertanto, possibile di sanzioni”.

Leggi anche –> Coronavirus, Guerra (Oms): “I calciatori sono più a rischio”

Leggi anche –> Coronavirus, stop al calcetto e alle feste private: la nuova ipotesi

EDS