Veronica D’Ascenzo, chi è la sopravvissuta al crollo di S. Giuliano di Puglia

Veronica D’Ascenzo è la ragazza sopravvissuta al crollo della scuola di San Giuliano di Puglia nel 2002. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei. 

Stasera il programma di Rai Tre “Le ragazze”, in onda alle 21.20, darà spazio alla storia di Veronica D’Ascenzo, sopravvissuta al crollo della scuola di San Giuliano di Puglia nel 2002. All’epoca la ragazza aveva solo 6 anni e fu estratta dalle macerie dopo 8 ore. Conosciamola più da vicino.

Leggi anche –> Valeria Parrella, chi è: età, carriera, vita privata e curiosità sulla scrittrice 

Leggi anche –> Francesca Di Marco, chi è l’insegnante che ha partecipato al G8 di Genova nel 2001

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Veronica D’Ascenzo

Era il 31 ottobre 2002 quando Veronica D’Ascenzo rimase intrappolata per otto lunghe ore sotto le macerie della sua scuola elementare Jovine a San Giuliano di Puglia, letteralmente collassata dopo le scosse di terremoto. Ventisette bambini e una maestra morirono in quella tragedia, mentre lei riuscì a salvarsi. Un anno fa Veronica si è laureata all’Università Lumsa di Roma con una tesi su bambini con danno post traumatico da stress, e oggi è stata assunta come maestra in una scuola elementare di Roma.

Il giorno del terremoto in Molise Veronica D’Ascenzo aveva solo 6 anni e frequentava la prima elementare, ma insieme ai suoi compagni si era spostata in un’altra classe perché la sua maestra non c’era. Alle 11.32 una tremenda scossa di terremoto fece crollare tutto. Lei rimase con la testa sotto un tavolo, sepolta tra le macerie, nel buio, finché i soccorritori riescono a tirarla fuori dopo una lunga attesa. Da allora Veronica si è fatta portavoce di un messaggio fortissimo: il diritto di ogni bambino a frequentare una scuola sicura. Un impegno che ha portato avanti nel tempo, tra interviste, racconti e testimonianze varie.

Il 7 ottobre 2019 Veronica D’Ascenzo ha discusso la sua tesi di laura, dal titolo: “Didattica e pedagogia al servizio di bambini con danno post traumatico da stress: il caso di San Giuliano di Puglia”, alla presenza del Responsabile della Protezione Civile Angelo Borrelli e di Guido Bertolaso, ex capo della Protezione civile che prestò soccorso proprio durante il crollo della sua scuola. E dopo la laurea Veronica ha scelto di fare proprio l’insegnante, per “ricambiare tutta la solidarietà che ho ricevuto: l’insegnante riesce ad arrivare nel cuore di ogni allievo e mette le basi per quello che sarà l’adulto di domani”. “Il suo è un messaggio di cultura, d’amore e di speranza nel solco della sicurezza scolastica di cui è testimonial con la vita”, ha scritto su Facebook sua madre, Rachele Porrazzo, anche lei insegnante.

EDS