Juventus in isolamento, Cristiano Ronaldo perde la pazienza: “Ingiusto”

Il fuoriclasse della Juventus Cristiano Ronaldo sarebbe stato il primo a lasciare la bolla dopo una discussione accesa con la dirigenza.

Cristiano RonaldoLa gestione della stagione 2020/2021 della Serie A si sta dimostrando più complessa del previsto. Prima dell’avvio del campionato la lega ha stilato un protocollo secondo cui tutte le squadre sarebbero potute scendere in campo anche se nello staff e nella rosa venivano riscontrati casi di positività. Tra le clausole è stato inserito un rinvio bonus in caso di positività di 10 calciatori.

Leggi anche ->Juventus-Napoli, quando si gioca la sfida di Serie A?

Quando si è verificato il primo caso di positività multipla, quello del Genoa, il protocollo non è stato rispettato. La squadra ligure è stata costretta a scendere in campo nonostante i 14 casi di positività e si era deciso che anche il Napoli, dove di casi ce ne sono solamente 2, dovesse giocare il terzo turno di campionato contro la Juventus. I partenopei, però, non si sono presentati e, non essendo impossibilitati per regolamento, avrebbero dovuto perdere la partita a tavolino e ricevere un punto di penalizzazione ulteriore. Tuttavia si è deciso di far giocare la partita in un’altra data, creando così un precedente che potrebbe generare caos.

Leggi anche ->Coronavirus, il presidente della Lega Serie A Dal Pino è positivo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Juventus in isolamento, Cristiano Ronaldo sbotta e lo viola

In questi ultimi giorni si sta parlando però della situazione Juventus. Dopo la partita rinviata, infatti, sono stati riscontrati due casi di positività e l’Asl di Torino a disposto l’isolamento dell’intera squadra. Isolamento che però non è stato rispettato da Cristiano Ronaldo e da altri sei tesserati: Buffon, Demiral, Dybala, Danilo, Bentacur e Cuadrado. I calciatori che hanno violato l’isolamento non attendendo il risultato dei tamponi sono stati segnalati alla Procura, la quale dovrà decidere se si sarà trattato di reato oppure no.

Intanto la ‘Gazzetta dello Sport‘ ricostruisce quello che è successo al momento della segnalazione dell’asl ai calciatori della Juventus. Secondo quanto riportato dal quotidiano sportivo, quando i dirigenti hanno comunicato la decisione di andare in isolamento fiduciario, Cristiano Ronaldo avrebbe reagito con rabbia, contestandola. Il portoghese sarebbe dovuto rimanere al J Hotel e avrebbe dovuto saltare le partite con la nazionale, ma così non è stato. Per il portoghese era ingiusta la reclusione in hotel nonostante il primo tampone negativo e pare sia stato il primo ad uscire dalla bolla per raggiungere la nazionale.

Cristiano Ronaldo