Coronavirus, il calcio è a rischio? Parla il professor Galli

Anche il calcio è a rischio: è tornato a parlare il professor Massimo Galli, responsabile del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano

Galli vaccino Coronavirus anticorpi

Il professor Massimo Galli, responsabile del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, è tornato a parlare del protocollo Anti-Covid ai microfoni di Radio Punto Nuovo: “Non sono anti juventino, sono interista di terza generazione: il calcio è anche passione. Se si vuole mantenere quel minimo di sportività: i protocolli non sono il massimo al momento. Un’autorità ha svelato che una squadra che non si poteva muovere da Napoli e non poteva andare a Torino“. Poi ha aggiunto: “Il periodo è davvero difficile e così una serie di segnali ci impongono di invertire una tendenza”.

Leggi anche –> Coronavirus, Ricciardi: “Alcune Regioni non pronte, ospedali quasi pieni”

Coronavirus, il calcio è a rischio? Parla il professor Galli

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Infine, il professor Galli ha risposto anche al quesito ormai frequente: “Il calcio è a rischio?”: “Non c’è settore produttivo che non debba prendersi in considerazione l’idea di fermarsi. Diventa complesso organizzarsi come la NBA, solo se si è certi che tutti quelli in bolla siano assolutamente negativi”. Infine, sul derby di Milano ha svelato: “Mi aspetto di tutto ormai, anche la Asl di Milano potrebbe essere coinvolta. I contatti dovrebbero essere quarantenati e tutta la squadra dovrebbe essere in quarantena”. Una situazione davvero limite: il protocollo sul calcio va rivisto per il bene di tutti.