Gf Vip, Patrizia De Blanck sulla figlia: “L’ho avuta per fare un regalo a mio marito”

Parlando con i coinquilini del Grande Fratello Vip, Patrizia De Blanck ha confidato che ha avuto la figlia per fare un regalo al marito.

Tra tutti i protagonisti di questa quinta edizione del Grande Fratello Vip, Patrizia De Blanck è sicuramente quella in grado di generare situazioni comiche e discussioni divertenti. Certo non mancano episodi in cui perde il controllo o utilizza frasi fuori luogo. L’ultima è stata una esternazione brusca nei confronti di Tommaso Zorzi, per la quale si è vista costretta a rettificare e chiarire. La De Blanck ha persino ammesso di aver esagerato, chiedendo di fatto scusa all’influencer.

Leggi anche ->Patrizia De Blanck squalifica in arrivo, frase omofoba: Tommaso Zorzi senza parole

Ciò che ha attirato l’attenzione nelle ultime ore, tuttavia, è una confessione che la concorrente ha fatto sulla figlia durante una discussione con Dayane Mello e Guenda Goria. In questa occasione, infatti, ha rivelato qual è il suo punto debole ed insieme svelato il suo più grande rimpianto: “Io un punto debole ce l’ho ed è mia figlia. Lei è il punto debole perché io l’ho fatta molto tardi e penso che non mi potrà avere ancora per molto…”.

Leggi anche ->Patrizia De Blanck a Morra: “Fai una finta storia con Guenda e vai dalla D’Urso”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Patrizia De Blanck: “Mia figlia? Era un regalo per mio marito”

La concorrente del reality ha rivelato di non aver pensato in età giovane alla maternità e che quando aveva 30 anni era rimasta incinta ed ha deciso di abortire. Sulla figlia Giada, poi svela: “Sai perché l’ho fatto? Per fare un regalo a mio marito perché gli stava morendo la figlia, che aveva un tumore al cervello”. Il dono, però, pare non sia stato gradito, proprio perché in quel momento c’era il dolore per la figlia che stava morendo: “Però questa cosa non è stata accolta con gioia, visto che la figlia stava morendo… Allora mi sono inca**ata e ho detto: Bene, allora lo faccio per me”.