Viviana Parisi, il padre Luigino: “L’hanno uccisa”

Il caso di Viviana Parisi, trovata morta nei boschi di Caronia col figlio Gioele, il padre Luigino è sicuro: “L’hanno uccisa”.

Viviana Parisi gioele omicidio suicidio
Per la Procura Viviana Parisi avrebbe commesso un omicidio suicidio Foto dal web

“Volevano chiudere subito il caso classificandolo come un omicidio-suicidio”, invece Viviana Parisi sarebbe stata uccisa: a sostenerlo è il padre della dj, Luigino Parisi, che a ‘Storie Italiane’ riapre un caso del quale nelle ultime settimane si era parlato sempre meno. Invece i dubbi dei familiari sono molti e non vengono sciolti.

Leggi anche –> Viviana Parisi, la famiglia: “Impossibile risalire alla causa della morte di Gioele”

Viviana Parisi e il figlio di quattro anni, Gioele Mondello, sono spariti nel nulla dopo essere stati coinvolti in un incidente stradale sulla Palermo-Messina, all’altezza di Caronia. I loro resti sono stati poi ritrovati a distanza di qualche giorno. Diverse le ipotesi e il mistero non è mai stato risolto. In particolare, Daniele Mondello, marito della donna e padre del bambino, aveva manifestato dubbi su ritardi e negligenze nelle ricerche.

Leggi anche –> Viviana Parisi, sul traliccio la scoperta che potrebbe dare la svolta al caso

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’ipotesi di Luigino, il padre di Viviana Parisi e del legale di famiglia

Ora anche il padre della giovane dj morta insieme al figlio punta l’indice contro i soccorsi che si sono mossi in ritardo. Osserva dunque: “Quel giorno sono stati chiamati perché mia figlia si era dispersa nel bosco e sono stati bloccati dalla polizia a Sant’Agata di Militello fino a notte fonda mentre, invece, sarebbero potuti arrivare sul posto e avrebbero potuto trovare mia figlia e mio nipote vivi”. Quindi spiega: “Mia figlia secondo me è stata portata lì (vicino al traliccio ndr), non si sarebbe mai buttata. Mia figlia secondo me è stata uccisa. Le indagini sono state superficiali”.

Anche Claudio Mondello, legale della famiglia, a Messina Today chiarisce che nulla è ancora possibile dire con certezza rispetto a quanto accaduto: “Finora siamo davanti ad un caso insoluto, ma non si può certo dire che si è tornati al punto di partenza. Dobbiamo tener conto dei dati scientifici che ci hanno fornito finora risposte precise, gli unici riscontri da tenere in considerazione. Parlare di ipotesi serve a poco”.

Daniele Mondello