Bimba corre incontro alla madre, lei fa retromarcia, la investe e la uccide

Una bimba contenta per l’arrivo della madre gli corre incontro, la donna non se ne accorge e facendo retromarcia la uccide.

La comunità di Luzerne, piccolo centro abitato della Pennsylvania, è ancora sotto shock per la morte improvvisa e tragica di una bimba di soli 3 anni. A rendere maggiormente drammatica la scomparsa della piccola sono le circostanze che hanno portato all’incidente che le è costato la vita. La bimba, infatti, sabato si trovava al parco cittadino con i parenti in occasione del compleanno della zia. Era giunta sul posto insieme ai parenti, poiché la madre doveva lavorare e li avrebbe raggiunti in seguito.

Leggi anche ->Caserta, un uomo investe una bimba e poi scappa: era sotto effetto di cocaina

Quando ha capito che la mamma stava per arrivare, la piccola ha lasciato il prato in cui si trovavano gli altri bambini ed è uscita dal parco per andarle incontro. Quando ha visto la macchina, poi, si è messa a correre verso la madre. La donna, ignara, ha fatto retromarcia per parcheggiare e l’ha colpita in pieno. Dal suv, infatti, la piccola non si vedeva e si è accorta di lei solo dopo averla colpita ed essere scesa dalla macchina.

Leggi anche ->Brescia, pirata della strada investe e uccide una bambina di nove anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mamma investe e uccide la bimba per sbaglio

La mamma ha capito subito che le condizioni della figlia erano gravi: la piccola è caduta ed ha sbattuto con violenza la testa sull’asfalto. Sono stati inutili, infatti, i tentativi di soccorso, quando i paramedici sono giunti sul luogo dell’incidente non c’era più nulla da fare e ne hanno dovuto dichiarare il decesso.

Una tragedia, quella di Luzerne che fa gridare all’ingiustizia. Ancora ora si cerca di capire come la bimba sia riuscita ad eludere il controllo degli adulti e ad uscire dal parco senza che nessuno se ne accorgesse. Uno di quelli che ha assistito alla scena ha raccontato lo stato di choc e confusione in cui si trovavano tutti appena dopo l’incidente: “Molti urlavano, gli altri bambini erano confusi e si percepiva preoccupazione e una situazione grave. L’impatto è stato forte”.