Ragazza 15enne pianifica l’assassinio dei genitori, un amico la ferma in tempo

Un ragazzo spaventato dai propositi dell’amica, l’ha denunciata ai Carabinieri evitando che potesse realizzare l’omicidio dei genitori.

Da diverso tempo una ragazza 15enne di Vicenza stava pianificando nel dettaglio l’omicidio dei genitori. A quanto pare l’adolescente aveva orchestrato un piano in cui doveva darle una mano il fidanzato ed aveva condiviso con un gruppo di amici in una chat le sue intenzioni. Proprio questa sua decisione di condividere con gli amici l’intento ha portato alla risoluzione preventiva del caso.

Leggi anche ->Ragazza di 12 anni morta, i pidocchi le causano l’infarto: arrestati i genitori

Uno dei suoi amici, infatti, ha cominciato a pensare che quelle dichiarazioni d’intenti non fossero solamente uno scherzo creepy, ma che la ragazza avesse davvero intenzione di uccidere i genitori. Così ha deciso di denunciarla ai carabinieri, mostrando i messaggi che mandava nella chat. I militari si sono attivati immediatamente, avvisando in primo luogo i genitori e successivamente i servizi sociali.

Leggi anche ->La fanno tornare a casa per aiutarla, la figlia uccide mamma e nonna

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ragazza 15enne pianifica l’omicidio dei genitori e viene fermata dai Carabinieri

Secondo quanto rivelato dagli inquirenti la giovane non aveva alcun motivo per pianificare un simile atto. Si tratta di una giovane di buona famiglia, figlia unica di una coppia perbene il cui rapporto con i genitori non è definibile traumatico. Con ogni probabilità il fidanzatino non aveva idea dei suoi intenti, dunque gli inquirenti invitano alla calma sul suo coinvolgimento.

Nonostante questo i messaggi erano decisamente inquietanti e non sembravano frutto di uno scherzo di cattivo gusto. La ragazza, interrogata sul proposito, ha dichiarato invece che non avrebbe mai ucciso nessuno e che per lei si trattava di un gioco. Resta da capire cosa abbia spinto la giovane a scrivere messaggi di simile crudeltà, se si tratta di un moto giovanile di ribellione o se c’è di mezzo qualche sfida internet a cui aveva aderito.