Incidente in motocicletta a Montalbano, muore il giovane Mario Rocco Santoro

A causa di un incidente motociclistico avvenuto nella giornata di ieri a Montalbano, un uomo ha perso la vita.

 

Mario Rocco Santoro, un agente di Polizia penitenziaria, aveva qualche ora libera dal servizio e, da vero appassionato di moto, ha pensato di andare a farsi un giro fuori città. E’ salito in sella della sua Kawasaki Ninja per passare qualche ora in tranquillità, ma le cose non sono andate come previsto.

LEGGI ANCHE -> Incidente al supermercato | commessa schiacciata da scaffali crollati

LEGGI ANCHE -> Incidente stradale | schianto tremendo causa 2 morti e 7 feriti | FOTO

Mario Rocco Santoro, a soli 32 anni ha perso la vita in seguito ad un incidente, avvenuto ieri mattina a Montalbano. L’uomo era originario di Potenza e da tre anni prestava servizio all’Arginone, ed è morto dopo alcune ore di lotta all’ospedale di Cona. Le sue condizioni sono apparse sin da subito gravi e le speranze per lui erano davvero poche. L’incidente è avvenuto alle 11:40 in via Bologna, all’angolo con via Fruttidoro. All’angolo tra le due strade arrivava anche una Toyota Hybrid e i due veicoli si sono scontrati, ma le cause devono essere ancora accertate.

LEGGI ANCHE -> Incidente nella notte sulla A2, cinghiali invadono careggiata: due morti

Mario Rocco Santoro, l’incidente fatale

Il centauro ha impattato con la parte anteriore destra della vettura in maniera molto violenta, al punto tale da sbalzare la sua Kawasaki Ninja fuori dalla strada. All’arrivo dei soccorsi, la moto era in un campo agricolo che costeggiava la strada. Quando i soccorritori del 118 e gli agenti della Polizia municipale sono arrivati sul posto, il 32enne respirava ancora. Dopo le prime cure è stato trasportato all’ospedale di Cona, dove è deceduto. La Polizia locale deve ancora ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente e valutare la posizione dell’automobilista. La notizia della morte di Marco Rosso Santoro si è diffusa rapidamente ed è stata un fulmine a ciel sereno per i suoi colleghi, con i quali condivideva il lavoro tra le mura della casa circondariale. Viene ricordato come “un vero soldato, sempre disponibile e pronto a fare il suo dovere. Un ragazzo gentile, serio e amabile. Un angelo con la divisa“. Lo piangono la famiglia e la sua fidanzata, con la quale doveva sposarsi e desiderava costruire una propria famiglia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!