‘Coronavirus artificiale’ | parla scienziata fuggita da Honk Kong

Una virologa che ha dovuto lasciare in tutta fretta Honk Kong e la vicina Cina afferma: “Coronavirus artificiale, l’ha ordinato Pechino”.

Coronavirus artificiale
Una virologa accusa la Cina di Coronavirus artificiale Foto dal web

Una nota virologa, la dottoressa Li-Meng Yan, rivolge delle accuse molto pesanti alla Cina in merito all’ipotesi Coronavirus artificiale. La scienziata ha trovato riparo negli Stati Uniti dopo avere dovuto lasciare in tutta fretta Honk Kong, che proprio Pechino controlla politicamente da anni.

LEGGI ANCHE –> Beatrice Lorenzin positiva: “Il covid è una brutta bestiaccia”

Secondo la dottoressa Li-Meng Yan, il Covid-19 trarrebbe origine da alcune ricerche apposite compiute dal Wuhan Istitute of Virology, un laboratorio di massima sicurezza controllato in maniera diretta dal Partito Comunista Cinese. Proprio lei ha presentato la sua ricostruzione dei fatti all’interno di un dossier lungo 26 pagine. L’esperta avrebbe la convinzione che Pechino abbia agito facendo bene in modo da impedire a chiunque di risalire a quella che sarebbe la verità. La questione Coronavirus risale alla fine del 2019. Se ne fece menzione una prima volta ad inizio dicembre, poi la dottoressa si era attivata in prima persona il giorno 31.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Lazio obbligo mascherine all’aperto | il Codacons annuncia ricorso

Coronavirus artificiale, la spiegazione della virologa scappata dall’Asia

Il successivo 7 gennaio la Cina ha quindi annunciato il primo caso autenticato di Coronavirus in una persona, risalente però a quasi due mesi prima, il 16 novembre. Per quanto riguarda lei, la virologa lavorava in un laboratorio che fa capo direttamente all’Organizzazione Mondiale della Sanità, a Honk Kong. Inoltre la dottoressa era parte integrante del dipartimento di Salute pubblica della Hong Kong University. Nella scorsa primavera si è rifugiata a New York, sotto diretta tutela del governo degli Stati Uniti. “Il corredo genetico del Sars-Cov non esiste in natura, somiglia molto ad un virus custodito in un laboratorio militare cinese. In questo caso ci sono delle aggiunte e delle verifiche, allo scopo di fare sembrare il Covid-19 un virus nuovo sorto in maniera naturale”. Per lei il Coronavirus è artificiale quindi.

LEGGI ANCHE –> Infettivologo Galli d’accordo con nuove restrizioni: fondamentali per non tornare a situazione di Marzo