Mascherine obbligatorie all’aperto nel Lazio: Proietti contro Montesano

Si accende la polemica sulle mascherine obbligatorie all’aperto nel Lazio: Gigi Proietti contro Enrico Montesano.

(screenshot video)

Enrico Montesano ancora una volta contro le stringenti norme anti Coronavirus. Stavolta l’attore commenta ad Adnkronos la scelta della Regione Lazio di rendere obbligatorie le mascherine anche all’aperto: “La trovo una cosa completamente inutile, solo terrorizzante, per tenere alto il livello di terrore: anzi, credo che sia dannosa”.

Leggi anche –> Coronavirus, ordinanza Lazio: mascherine obbligatorie all’aperto

Osserva ancora l’attore: “Sono in aumento le dermatosi intorno alla bocca, a causa della copertura della mascherina. Io quando entro in un posto angusto per rispetto la metto, ci mancherebbe, ma possibilmente rimango fuori dal negozio o dal luogo chiuso”. Enrico Montesano conclude: “La paura non consente più un ragionamento sensato, chiaro, logico. E se siamo preda della paura, stamo messi male”.

Leggi anche –> Sicilia, possibile nuova ordinanza di Musumeci: obbligo di mascherine

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Gigi Proietti ed Enrico Montesano: le posizioni sulle mascherine obbligatorie

In tanti si schierano con Enrico Montesano, che qualcuno definisce “unico uomo di spettacolo che va fuori dagli schemi, gli altri tutti asserviti”. Qualcun altro evidenzia: “Una delle poche voci libere e non allineate al regime. Pagherà il suo coraggio con l’emarginazione. Ma potrà guardarsi nello specchio la mattina senza vergognarsi”. Montesano è definito “un attore che non ripete a manovella le ca***te da programmazione neurolinguistica degli spin doctors del regime”.

Sul fronte totalmente opposto si schiera un collega di Montesano, l’attore Gigi Proietti che chiarisce, facendo anche riferimento all’aumento dei contagi: “Non c’è altra soluzione, ci siamo già passati questo inverno e siamo stati costretti a chiudere”. L’attore sottolinea come questa decisione presa da Nicola Zingaretti, segretario del Pd e presidente della Regione Lazio, sarebbe stata “l’unica cosa da fare” e fa notare: “Può darsi che ci sia qualcuno che ha qualche soluzione migliore, io non ce l’ho”.