Luca Beatrice, chi è: età, carriera, vita privata del critico d’arte

Luca Beatrice è un noto critico e curatore di mostre d’arte contemporanea. Ecco tutto quel che c’è da sapere sul suo conto. 

Nel mondo dell’arte contemporanea (e non solo) il critico, curatore e accademico Luca Beatrice – tra i più noti in assoluto – occupa sicuramente un posto d’eccezione. Conosciamolo più da vicino.

Leggi anche –> Jacopo Veneziani, chi è: età, carriera, curiosità sul divulgatore d’arte

Leggi anche –> Morto Philippe Daverio, lutto gravissimo nel mondo dell’arte

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Luca Beatrice

Luca Beatrice è nato a Torino il 4 aprile 1961. Ha cominciato la sua carriera verso la fine degli anni ’80 con mostre storiche sul futurismo torinese. Dopo la laurea è stato allievo di Enrico Crispolti alla Scuola di specializzazione in Storia dell’arte dell’Università di Siena.

In qualità di critico ha scritto sulle riviste d’arte Tema Celeste e Flash Art. Dagli anni ’90 è stato curatore di numerose mostre legate alle nuove arti figurative italiane. E’ stato nominato curatore della Biennale di Praga (2003-2005) e commissario alla sezione Anteprima della XIV Quadriennale di Roma (2004). Nel 2005 ha presentato Natale Addamiano nella mostra organizzata al Museo Archeologico di Paestum in suo onore. E nel 2009 è stato scelto come curatore del Padiglione Italia alla 53° Biennale d’arte di Venezia.

Luca Beatrice è stato inoltre docente di Storia dell’arte contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo e, per oltre dieci anni, all’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Dal 2009 insegna all’Accademia Albertina di Torino; dal 2010 al 2018 è stato presidente del Circolo dei lettori di Torino, e nel 2012, in occasione della 25° edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, ha curato La Città Visibile. Torino 1988-2012, mostra sui 25 oggetti che hanno rappresentato il cambiamento del capoluogo piemontese in quel periodo. È stato anche curatore del Premio Cairo (2010-2013) e, nel 2012, del Premio Michetti di Francavilla al Mare.

Oltre a tutto ciò, Luca Beatrice ha dato alle stampe diversi testi critici e saggi sul tema del rapporto dell’arte con la musica e il cinema, e curato la prima grande rassegna in Italia dedicata all’argomento: Sound&Vision, a Perugia nel 2006. Last but not least, collabora con Juventus Channel in qualità di opinionista e tifoso e con Tuttosport, il Giornale, il settimanale Torino Sette della Stampa e le riviste Arte, Rumore, Raiders e Max. All’inizio di novembre del 2017 ha fatto discutere il suo commento all’episodio di vandalismo ai danni di un’installazione di Luci d’artista nel quartiere periferico delle Vallette: oltre a contestare la scelta di ricollocare l’opera d’arte contemporanea al di fuori del centro cittadino, ha affermato che vi sono “luoghi dove la bellezza e la cultura non arrivano” e che andrebbero “lasciati al loro triste destino”.

Leggi anche –> Ed Sheeran è “il nuovo Bansky”, le sue opere d’arte in giro per il Suffolk

EDS