Covid, l’appello di De Luca: “Se continuiamo così, la situazione diventa grave”

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca richiama i cittadini campani ad essere responsabili per non fare diffondere il Covid.

Covid Campania De Luca
Ordinanze restrittive Covid Campania De Luca Foto dal web

I casi di positività al covid-19 continuano ad aumentare in tutta Italia, per il secondo giorno di fila, infatti, sono stati registrati più di 2000 casi in 24 ore. Sono ben 11 le regioni in cui il fattore di contagio ha superato l’Rt 1 e se la situazione dovesse rimanere questa, presto i casi potrebbero raddoppiare. Una delle regioni maggiormente colpite da questa seconda ondata di contagi è la Campania, dove solo ieri sono stati registrati 400 nuovi casi. Lo sa bene Vincenzo De Luca, motivo per cui il governatore campano ieri ha lanciato un appello a tutta la cittadinanza per il rispetto delle normative.

Leggi anche ->Coronavirus, il ministro Boccia annuncia: “Possibili lockdown”

De Luca è conscio che per bloccare la diffusione del virus senza ricorrere a chiusure dolorose c’è bisogno di una presa di coscienza collettiva. Per questo motivo nell’appuntamento social di ieri ha voluto mostrare un paio di esempi di comportamenti errati. Il primo è il mancato contingentamento nell’ingresso a scuola. Il governatore mostra la foto di un istituto in cui ci sono centinaia di studenti ammassati all’ingresso senza la mascherina. Sulla foto spiega: “Questo è un istituto, ma situazioni come questa ci sono davanti a tutte le scuole. Se continuiamo così, tra due settimane dovremo scontare le conseguenze”.

Leggi anche ->Covid Campania | De Luca firma nuove ordinanze restrittive

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Covid, De Luca: “Dopo la festa abbiamo riscontrato 30 ragazzi positivi”

Il secondo esempio che porta all’attenzione dei cittadini De Luca è quello di una festa organizzata al centro di Napoli da alcuni ragazzi. Il governatore mostra un breve filmato che mostra i giovani mentre ballano a stretto contatto. Mentre le immagini vanno in sovrimpressione dice: “Dopo la festa abbiamo riscontrato 30 casi di positività tra i ragazzi e le ragazze che hanno partecipato alla festa”.

In conclusione il politico spiega che le ordinanze restrittive firmate il 29 settembre servono proprio ad evitare che vi siano in contemporanea 100 eventi di questo tipo e dunque che vi siano 3,000 contagi in una sola serata. Quindi aggiunge: “Ci vuole tanto a capirlo, che quello che facciamo dovrebbe essere interesse soprattutto delle mamme e dei padri di famiglia, o no?”.