Carlo Acutis: chi era lo studente e perché sarà proclamato Beato

La grande storia di fede del venerabile Carlo Acutis: chi era lo studente e perché sarà proclamato Beato il 10 ottobre.

Carlo Acutis

Nato nel 1991 a Londra, da genitori milanesi che erano all’estero per ragioni lavorative, Carlo Acutis visse sin dai primi mesi di vita nel capoluogo meneghino, dove frequentò la scuola elementare e media presso le suore Marcelline e in seguito il liceo classico dai Gesuiti dell’istituto Leone XIII.

Leggi anche –> La via di Francesco: il cammino nei luoghi del Santo

Sin dai primissimi anni di vita, la fede fece parte di ogni aspetto della sua quotidianità, tant’è che ricevette a soli 7 anni la prima comunione e sostenne che l’Eucarestia era “La mia autostrada per il Cielo”. Devoto alla Madonna, era assiduo frequentatore della Santa Messa e recitava il rosario.

Leggi anche –> Sant’Ambrogio, chi era: storia e opere del santo Patrono di Milano

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Perché Carlo Acutis verrà beatificato il prossimo 10 ottobre

Aveva una particolare venerazione per i santi morti in giovane età come san Domenico Savio, ma anche per san Luigi Gonzaga e altri. Visse dunque la sua infanzia normalmente, come tutti i bambini, pur dedicandosi al prossimo e agli ultimi. La sua passione per l’informatica lo spinse alla realizzazione di siti web proprio per diffondere il messaggio della preghiera e della fede. Anche per tale ragione, già da oggi si vede in lui il futuro patrono di Internet. La sua mostra sui miracoli eucaristici nel mondo, realizzata da ragazzino con la collaborazione dall’Istituto San Clemente I Papa e Martire, ha già fatto il giro del mondo, raggiungendo anche molti santuari mariani importanti per storia e devozione.

La sua morte fu prematura nel 2006: si ammalò di una forma di leucemia fulminante e il 12 ottobre – dopo appena 3 giorni di degenza – morì all’ospedale San Gerardo di Monza. Sepolto nel cimitero di Assisi, è stato più di recente traslato nel Santuario della Spogliazione, sempre nella città di San Francesco. Tante sono le storie di conversione emerse e legate alla figura di Carlo Acutis. Qualche giorno prima della sua beatificazione, prevista il 10 ottobre 2020, il suo corpo è stato riesumato e trovato incorrotto. Un miracolo attribuito alla sua intercessione è stato riconosciuto da Papa Francesco nel febbraio 2020. Qualche mese prima, Carlo Acutis era stato ritenuto venerabile.