Vaccino antinfluenzale, Federfarma: “In ogni farmacia disponibili 12 dosi”

L’associazione Federfarma avvisa di come non siano disponibili dosi di vaccino antinfluenzale per tutta la popolazione che potrebbe averne bisogno.

 

 

 

 

 

 

 

 

Nei prossimi mesi si prevede che l’arrivo dell’influenza stagionale potrebbe influire sull’emergenza Covid-19, in quanto potrebbe rendere più difficile eseguire delle diagnosi accurate, in quanto i sintomi iniziali sono molto simili a quelli influenzali.

LEGGI ANCHE -> Vaccino influenzale, perché è importante farlo: il consiglio dei medici

LEGGI ANCHE -> Influenza stagionale, primo caso a Parma: “E’ un virus non nuovo”

Il Ministero della Salute ha invitato già a giugno le singole Regioni ad anticipare la campagna di vaccinazione antinfluenzale ad ottobre per tutte quelle categorie di utenti che ne usufruiscono abitualmente. Negli ultimi mesi, infatti, le Regioni si sono aggiudicate circa 17,9 milioni di dosi di vaccini, che, però, si riveleranno insufficienti nel caso in cui si scelga di vaccinare il 100% degli individui considerati a rischio, come gli anziani. Solitamente non si raggiungono quasi mai questi numeri: i dati del Ministero sulle coperture vaccinali delle stagioni influenzali precedenti confermano che, per la popolazione con più di 65 anni, nella scorsa stagione si è vaccinato il 54,6%, in quella precedente il 53,1%.

LEGGI ANCHE -> Alessandria, medico positivo al Covid lavora in ospedale: “Solo influenza”

Vaccini antinfluenzali insufficienti per la popolazione

La Federfarma ha rivelato che per la popolazione che non fa parte delle fasce protette e non ha diritto al vaccino gratuito contro l’influenza, ci sono a disposizione 12 dosi per ogni singola farmacia italiana. Sono state divise 250 mila dosi indicate dalla conferenza Stato-Regioni per le 19.330 farmacie presenti sul territorio italiano. “I cittadini stanno facendo pressioni per averlo e nelle farmacie c’è un boom di prenotazioni“, scrive l’associazione. Sono già previsti, però, accordi per fornirne altre nel caso in cui fosse necessario, ottenendole dall’estero. Quest’anno è stato previsto l’accesso gratuito alla vaccinazione nella fascia d’età 60-64 anni, con raccomandazioni per il personale sanitario e per coloro che lavorano in strutture particolari, come quelle di accoglienza per anziani.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!