Vincenzo, 16enne rifiutato da tutte le scuole causa Covid | “Non c’è posto”

16enne rifiutato dalle scuole a causa del Coronavirus: non c’è posto. La storia di Vincenzo, raccontata da mamma Maria.

coronavirus scuola chiuso istituto

Si chiama Vincenzo il ragazzo di Motta Visconti, nel milanese, protagonista dell’ennesima assurda storia legata al Coronavirus. La sua avventura la racconta mamma Maria Gagliardi. Dopo la bocciatura a fine del primo anno scolastico, il ragazzo è riuscito a rimettersi in pari con gli studi: “Settemila euro alle Grandi Scuole Cepu hanno rimesso Vincenzo in carreggiata: abbiamo fatto un grande sacrificio, ma capivamo il suo disagio”, ha raccontato la madre. Ma una volta ripartito, nessuna scuola pubblica è stata disposta ad accettare Vincenzo nelle sue classi. “Ci sarebbe un istituto a Pavia, infatti, proprio a due passi da casa, ma anche lì dicono che non c’è posto”, aggiunge la signora Gagliardi. “Gira tutto attorno a queste tre parole: non c’è posto”.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Comunione negata al bimbo autistico, i genitori: “Non è giusto”

La storia di Vincenzo, raccontata da mamma Maria

A settembre Vincenzo avrebbe dovuto rientrare nella classe dei suoi ex compagni per frequentare il terzo anno di Informatica all’Istituto Ettore Molinari, ma la situazione si è rivelata essere complicatissima. A gennaio 2020 Maria aveva iniziato le pratiche per l’iscrizione, per cui era necessario un certificato d’idoneità al terzo anno. L’esame, causa emergenza sanitaria, è slittato a luglio. Quando Vincenzo è risultato idoneo Maria ha richiamato la scuola per proseguire con l’iscrizione, ma l’Istituto le ha risposto che non avrebbe potuto accogliere il ragazzo nelle proprie classi. Madre e figlio hanno deciso di rivolgersi ad altre scuole, ma la risposta è stata sempre la stessa: “non c’è posto”. Maria racconta la storia di Vincenzo con molta delusione. “Mio figlio è ancora nell’età dell’obbligo. Capisco che per via del Covid ci siano delle restrizioni, ma possibile che un solo alunno in più sia un problema così grande?”.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Bambino Coronavirus | Grave in ospedale a 8 mesi | Contagiato dalla nonna

L’ufficio scolastico ha poi effettivamente trovato un posto per Vincenzo, ma è in una scuola a Sesto San Giovanni. Maria spiega: “Il Molinari era distante, ma raggiungibile con un’unica linea del metrò. Per andare all’Alfieri a Sesto, invece, la sveglia sarebbe alle cinque e il tragitto di quasi due ore su tre mezzi pubblici. Per un ragazzo che, tra l’altro, soffre d’asma e ha crisi per un semplice raffreddore, quindi un soggetto a rischio”. Oggi Vincenzo frequenta l’Alfieri, e per ridurre il tragitto vive in casa di amici a Milano. Maria intanto aspetta: forse una scuola più vicina in futuro sarà disponibile ad accogliere un alunno in più.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!