Brindisi | donna ricoperta di larve e piaghe in ospedale | medici sconcertati

A Brindisi desta enorme impressione la situazione che riguarda una donna entrata in ospedale in condizioni che definire spaventose sarebbe poco.

Brindisi ospedale donna larve
Entra in ospedale a Brindisi ricoperta di larve e di piaghe foto dal web

Ha destato tanta sorpresa ed anche raccapriccio il caso di una donna ricoverata in ospedale al ‘Perrino’ di Brindisi in condizioni igienico-sanitarie spaventose. La paziente ha 61 anni e presentava sul corpo svariate larve di mosche e piaghe. Lei versava anche in scompenso cardiaco e con una insufficienza renale in atto, per via dell’obesità.

LEGGI ANCHE –> Morti Coronavirus | allarme dell’OMS | ‘Ci saranno 2 milioni di vittime’

La presenza degli insetti era dovuta al fatto che non si lavava da molto tempo, addirittura anni, ed aveva piaghe da decubito anche sui gomiti. Una condizione ritenuta rara quanto indicativa di una totale incuria della propria persona. Lei è sposata e ha un fratello sacerdote. Proprio il marito l’ha condotta in ospedale. Ci sono indizi tali da far pensare ai medici dell’ospedale di Brindisi che questa persona sia rimasta a letto per mesi e mesi immobile. Circostanza attestata proprio dalle piaghe osservate. Sempre dal ‘Perrino’ di Brindisi si apprende che sono serviti ben 5 volontari per attuare un cambio di posizione nel letto dove ora la 61enne è ricoverata.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Vincenzo, 16enne rifiutato da tutte le scuole causa Covid | “Non c’è posto”

Brindisi, il caso della donna clinicamente sfiora l’inspiegabile

E si è reso necessario un massiccio ricambio d’aria per fare svanire il cattivo odore che emanava. Il marito è parso in grosse difficoltà fin da subito, totalmente incapace di gestire questa situazione che evidentemente richiede l’intervento dei servizi sociali. Per i medici è addirittura un miracolo il fatto che la donna sia ancora viva. Ora sarà necessario un lungo percorso di cure e di riabilitazione per ricondurre questa donna ad una situazione il più vicino possibile alla normalità. Occorrerà anche valutare con cautela tutte le patologie delle quali soffre ed i trattamenti necessari per contenerle. Da valutare comunque anche quella che è la posizione dell’uomo.

LEGGI ANCHE –> Caso Genoa, l’opinione di Galli: “Possibile che i risultati dei test non siano corretti”