Antonio De Marco, chi è lo studente arrestato per l’omicidio dei fidanzati di Lecce

Antonio De Marco è lo studente di Scienze Infermieristiche arrestato in correlazione con l’omicidio di Eleonora e Daniele a Lecce.

Ieri la polizia di Lecce ha arrestato Antonio De Marco, studente di 21 anni sospettato dell’omicidio di Daniele De Santis e Eleonora Manta. Decisivi nel suo arresto sarebbero stati gli estratti di alcune telecamere private della zona e la testimonianza di un cittadino albanese che lo ha visto scappare dal luogo dell’assassinio con in mano un coltello di almeno 20 cm.

Leggi anche ->Fidanzati di Lecce, l’assassino voleva legarli e torturarli prima di ucciderli

Il giovane aveva abitato in casa di Daniele ed Eleonora per un anno. Gli avevano affittato una stanza, ma al momento del rinnovo del contratto Daniele gli ha detto che doveva lasciarla. Il ragazzo aveva chiesto di poter rimanere, ma il proprietario di casa non aveva accettato poiché la sua fidanzata non si sentiva a suo agio con quella convivenza. Tra lei e lo studente c’era stato qualche divergenza e forse un litigio.

Leggi anche ->Omicidio di Lecce, arrestato l’assassino di Eleonora e Daniele

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Antonio De Marco: vendetta o omicidio passionale?

Proprio la convivenza con le vittime spinge a pensare che quella di Antonio possa essere stata un’azione dettata da ragioni personali. Il fatto che gli sia stato impedito di rinnovare il contratto di locazione, fa supporre che lo studente potesse essere alla ricerca di vendetta, ma non si esclude che il giovane possa essere stato motivato da ragioni passionali.

Lo suggerisce anche il numero di coltellate con le quali il presunto colpevole avrebbe ucciso le proprie vittime (35 ai danni di Eleonora e 25 ai danni di Daniele). La pianificazione dell’omicidio, invece, porta a pensare che l’assassino volesse vendicarsi della coppia. Nei bigliettini caduti durante la fuga, infatti, erano annotati i dettagli del piano: aveva intenzione di legarli, torturarli e ucciderli. Successivamente avrebbe pulito il sangue e avrebbe lasciato l’appartamento come se nulla fosse.