Elezioni, Alessandro Di Battista all’attacco: “M5S in crisi d’identità”

Alessandro Di Battista lancia una nuova dura accusa nei confronti di chi guida i 5Stelle per la “tattica” adottata dopo le elezioni regionali e il referendum.

Di Battista

Alessandro Di Battista dice “no” i facili entusiasmi all’indomani del voto per le Regionali e il referendum. Anzi, il frontman pentastellato si lancia in un vero e proprio atto d’accusa nei confronti di chi guida il Movimento 5 Stelle. “È la più grande sconfitta nella storia del Movimento” tuona Dibba nella sua ultima diretta Facebook. Parole indirizzate – e non certo gradite – ai dirigenti che hanno provato a celebrare il successo del “sì” al referendum oscurando il risultato negativo delle amministrative. A partire da Luigi Di Maio.

Leggi anche –> Elezioni regionali 2020: Exit Poll in tempo reale, tutti i risultati

Leggi anche –> Risultati Referendum in diretta l’esito del voto: proiezioni e dati reali in aggiornamento

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Italia mafia

La strigliata di Alessandro Di Battista ai capi del Movimento

L’attacco di Alessandro Di Battista sembra essere rivolto soprattutto a chi, tra i 5 Stelle, porta avanti la linea dell’alleanza con il Pd. “Sbagliato parlare di alleanze, il tema è la crisi d’identità del Movimento” avverte. E guai a parlare di “leadership forte”: “C’è stata e ha dimezzato i voti alle europee”. In mattinata anche Massimo Bugani, capo dello staff di Virginia Raggi, bolognese e volto storico dei 5Stelle, in un post su Facebook ha definito la vittoria dei “sì” al referendum un “successo degli italiani e non certo dei partiti”, riconoscendo però al Movimento il merito di “intercettare quest’onda”.

Su tutt’altra linea, invece, è Roberto Fico, presidente della Camera e tra i principali sponsor dell’alleanza giallorossa: “La responsabilità delle colpe e dei meriti è collettiva. No a guerre per bande e a personalismi”. Intanto i vertici pentastellati hanno convocato per dopodomani, giovedì 24 settembre, l’assemblea congiunta dei deputati e senatori M5S. All’ordine del giorno, si legge nella mail di convocazione, Stati Generali e riorganizzazione del Movimento, che secondo Di Maio “prima arrivano e meglio è”. Sempre che non sia già troppo tardi.

Leggi anche –> M5S, Di Battista propone il “servizio ambientale” per i giovani: ecco cos’è

Leggi anche –> Giuseppe Conte: “Mai stato in bilico e non sono inamovibile”

EDS

Elezioni Europee