Coppia uccisa a Lecce, parla un testimone: “Ecco cosa ho visto”

Un vicino di Daniele De Santis ed Eleonora Manta, trovati morti nella loro casa in provincia di Lecce, racconta la sua verità.

“Ho visto un uomo scendere di corsa le scale con uno zainetto in spalla”. Questa in sintesi la testimonianza fornita da un vicino di Daniele De Santis ed Eleonora Manta, i due giovani trovati morti nella loro casa in provincia di Lecce. In collegamento con lo studio di “Pomeriggio Cinque” uno dei condomini racconta di aver visto quello che si presume sia l’assassino dei due fidanzati di 33 e 30 anni.

Leggi anche –> Eleonora Manta, la fidanzata dell’arbitro uccisa con lui, ha urlato un nome

Leggi anche –> Lutto nel calcio: ucciso l’arbitro De Santis dopo una violenta lite

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Un nuovo tassello del puzzle del duplice omicidio di Lecce

“L’ho visto solo di spalle dallo spioncino della mia porta, il suo atteggiamento mi ha insospettito. Fuggiva”, ha precisato il testimone, che dall’interno del suo appartamento ha anche sentito diverse urla provenire dall’abitazione dei due giovani. “Prima ho sentito la voce della ragazza, poi quella di Daniele – ha invece ricordato un altro condomino – chiedevano aiuto”.

Vanno avanti senza sosta, intanto, le indagini sul duplice omicidio avvenuto nella serata di ieri a Lecce, costato di vita a un ragazzo di 33 anni, arbitro di calcio e gestore di un Bed & Breakfast, e alla sua fidanzata. Il movente è al momento avvolto nel mistero, mentre le forze dell’ordine sono alla ricerca del killer che avrebbe inferto le coltellate fatali alle due vittime, ritrovate poi senza vita nella loro abitazione di via Montello, nei pressi della stazione ferroviaria. Gli investigatori stanno controllando in particolare se nella zona siano presenti telecamere di videosorveglianza che potrebbero fornire delle immagini utili alle indagini.

Leggi anche –> Lecce, tragedia in casa: 38enne trovata morta nella doccia

EDS