Claudio Poma, il messaggio prima di uccidere il figlio: “Partiamo per un lungo viaggio”

La notizia dell’omicidio-suicidio compiuto da Claudio Poma ha sconvolto l’Italia intera: ecco cosa scriveva l’uomo prima del gesto estremo.

Claudio Baima PomaTutti in Italia parlano in queste ore della tragedia avvenuta a Rivara Canavese (Torino). Un operaio di 47 anni, Claudio Poma, ha deciso di farla finita e in questa decisione ha coinvolto anche il figlio di soli 11 anni. Un gesto estremo che parte da lontano, da una forma di depressione dalla quale l’uomo non riusciva ad uscire. Per anni, infatti, ha sofferto con dolori lancinanti alla schiena e alla gamba, che non gli permettevano di lavorare e vivere come prima. Una condizione di sofferenza che lo faceva stare male psicologicamente.

Leggi anche ->Torino, padre uccide il figlio di 11 anni poi si suicida: il messaggio su Fb prima della tragedia

Il suo stato di depressione è peggiorato quando il rapporto con l’ex fidanzata si è incrinato. Claudio, infatti, rimproverava alla donna amata – Iris – di essersi allontanata nel momento in cui lui aveva bisogno. La decisione della donna di vivere da sola, di mettere fine a quella relazione in cui non si trovava più bene, è stato il colpo che gli ha fatto abbandonare ogni voglia di superare la depressione. Lo scrive a chiare lettere l’uomo in un messaggio Facebook pubblicato poco prima di aver ucciso il figlio: “Ho parlato a te dei miei problemi, a te, la mia compagna, la mamma di mio figlio, contavo sul tuo aiuto, sulla tua comprensione, avevo bisogno di te Iris. La tua risposta è stata: sei esaurito, fatti curare”. E ancora aggiunge: “Potevamo fare una vita tranquilla, stare insieme soprattutto durante i periodi negativi, ma tu viaggiavi per conto tuo ormai da anni, dal 2015, sono parole tue”.

Leggi anche ->Tragico incidente: padre di famiglia si schianta contro un’auto e muore

https://www.facebook.com/baima.p.claudio/posts/10216608347753090

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Claudio Poma, il messaggio prima di uccidere il figlio: “Faremo un lungo viaggio”

Nel lungo messaggio pubblicato dall’uomo è evidente come questo dia la colpa di tutto all’ex compagna. Le dice che proprio la sua distanza, il disinteresse nei suoi confronti lo hanno portato a prendere una decisione estrema. In questa scelta mette in mezzo il figlio, pensando che solo in questo modo potrà stargli sempre accanto: “Potrai separare i nostri corpi, ma non le nostre anime, perché saranno sempre l’una accanto all’altra”. Già questa frase era un’indicatore di quella che sarebbe stata la loro tragica fine, ma c’è un punto in cui risulta ancora più chiara: “Noi partiamo per un lungo viaggio, dove nessuno ci potrà dividere, lontano da tutto, dalla sofferenza”.

Claudio Baima Poma