Frattura del pene | rapporto troppo focoso per un 30enne di Treviso

Ci dà dentro con fin troppo entusiasmo, un giovane incorre nella spiacevole patologia nota come ‘frattura del pene’. Come si cura.

frattura del pene cause
Caso di frattura del pene a Treviso Foto dal web

Un uomo incorre nella temutissima frattura del pene, nel corso di un rapporto contraddistinto da foga eccessiva con la sua partner. Il fatto è accaduto a Treviso, con un giovane di 30 anni sottoposto ad intervento chirurgico urgente al locale ospedale Ca’ Foncello.

LEGGI ANCHE –> La star di Instagram ha rapporti amorosi col figlio, scoperta choc del marito

A curare l’operazione la equipe di urologia del nosocomio della Marca. A seguito di una degenza durata alcuni giorni, si apprende che il paziente ha recuperato del tutto le proprie funzioni fisiche ottenendo quindi le dimissioni e potendo fare ritorno a casa. Parlare di frattura del pene in realtà non è del tutto corretto in quanto in tale organo non sono presenti le ossa. Ma il livello di lesioni che hanno luogo nella capsula che circonda i corpi cavernosi di quella parte del corpo possono essere talmente gravi da rendere propria tale definizione. La spiacevole e dolorosa eventualità può avvenire solamente ad erezione in corso dopo un piegamento repentino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Rapporto a 3 | professoressa sposata ed amica adescano studente

Frattura del pene, cosa comporta e come si cura

Una delle circostanze ritenute più a rischio riguarda la cosiddetta ‘posizione dell’Amazzone’. Con l’uomo sdraiato di schiena ed il partner che gli sta seduto sopra, per ricevere l’organo riproduttivo. Circostanza debitamente riportata in quella che è la folta letteratura medica del caso. Una frattura del pene si riconosce da un vero e proprio senso di rottura che porta allo ‘sgonfiarsi’ dell’organo seguito dalla comparsa di un ematoma con deformazione dello stesso e con fuoriuscita di sangue. Il metodo più efficace per la cura è quello di procedere ad apposito intervento chirurgico, da svolgere al massimo entro i 3 giorni successivi allo spiacevole evento. Le conseguenze in tal caso possono essere curvamento o disfunzione erettile. Curiosamente questa patologia viene chiamata anche ‘Texas trauma’, dal momento che in quella parte degli Stati Uniti si riscontrano storicamente dei numeri di casi insolitamente elevati.

LEGGI ANCHE –> Abusi su minorenni, la docente approfitta di alunna 15enne malata – FOTO