Adolescente buttata dal sesto piano dopo essere stata stuprata da 11 uomini

Un’adolescente è stata uccisa dai suoi aggressori dopo che gli 11 uomini l’avevano stuprata in gruppo sul tetto di un palazzo.

A distanza di una settimana, il brutale omicidio di Hamdi Mohamed Farah genera ancora rabbia. La diciannovenne somala, che nei prossimi mesi avrebbe cominciato l’università, è stata rapita da un gruppo di uomini mentre passeggiava per il quartiere di Wabari, a Mogadishu. Gli uomini l’hanno portata sul tetto di un palazzo adiacente ed hanno cominciata a stuprarla in gruppo. La cruenta violenza sessuale è andata avanti finché tutti e 11 gli uomini coinvolti non l’hanno stuprata.

Leggi anche ->Stupro in ambulanza | conducente violenta ragazza col Covid

A quel punto gli uomini avranno pensato che potevano farla franca uccidendo la loro vittima, dunque hanno deciso di gettarla dal tetto del palazzo. Questo drammatico e feroce episodio di violenza sessuale e femminicidio si è verificato lo scorso 11 settembre. Sin da quando il corpo senza vita della giovane Hamdi è stato trovato, la polizia di Mogadishu ha iniziato ad indagare per scovare tutti coloro che sono stati coinvolti nella sua morte.

Leggi anche ->Stupro di gruppo | branco di minorenni violenta ragazzina di 10 anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Adolescente stuprata e buttata da un palazzo: arrestati 11 uomini

Nelle scorse ore la polizia ha condiviso con i media una nota nella quale spiega che sono già stati effettuati degli arresti, ma che altri ce ne potrebbero essere nelle prossime ore. Sono 11 per il momento gli uomini finiti in manette con l’accusa di violenza sessuale e concorso in omicidio. I detective che si occupano del caso, però, vogliono essere certi che tutte le persone coinvolte in questo terribile crimine vengano punite.

Questo anche perché l’omicidio di Hamdi ha scatenato una bufera e tutta la popolazione somala chiede che venga fatta giustizia. Il caso è diventato di interesse politico, con diversi esponenti del parlamento che si sono esposti in prima persona. Mustaf Sheikh Ali Duhulow, ad esempio, ha dichiarato: “Lo stupro e l’omicidio di Hamdi ha causato un’ondata d’indignazione in tutta la Somalia e verranno capovolte anche le pietre per assicurare che venga fatta giustizia”.