Vaccino Coronavirus | Locatelli | ‘Siero già a novembre? Prima i dati’

0
3

Franco Locatelli, presidente del CSS, parla della attuale situazione vaccino Coronavirus dopo la notizia di risultati già a novembre 2020.

vaccino Coronavirus italia ultime notizie
Ultime notizie sul vaccino Coronavirus in Italia FOTO Getty Images

Sulla situazione vaccino Coronavirus si esprime il professor Franco Locatelli. Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità e membro del Comitato tecnico scientifico di supporto al Governo per la gestione dell’epidemia ha rilasciato delle dichiarazioni importanti alla trasmissione ‘Buongiorno’ su SkyTg24.

LEGGI ANCHE –> Vaccino Oxford, in Italia arriveranno a novembre le prime dosi

Si è parlato nelle scorse ore della possibilità di rendente disponibile il vaccino contro il Coronavirus già a partire da questo mese di novembre. Ma su questa eventualità, il professor Locatelli si mostra assai scettico. “Le affermazioni riferite dai media vanno nella direzione per la quale occorre ancora attendere i dati che giungeranno dalle prossime analisti di test svolti. Solo quando le conosceremo con certezza sarà possibile sbilanciarsi e dare dei tempi più certi”. Ma prima di allora qualsiasi affermazione del genere richiederà cautela e non andrà in alcun modo sacrificata la sicurezza, così come l’efficacia del siero, in nome della rapidità.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Negazionisti irrompono al centro commerciale: “Togliete le mascherina”

Vaccino Coronavirus, meglio procedere con calma

Meglio impiegare del tempo in più se ciò servirà all’ottenimento di un vaccino Coronavirus capace di debellare la malattia. Locatelli poi si esprime favorevolmente in merito alla riapertura delle scuole ed ai provvedimenti di sicurezza intrapresi. “È una priorità per l’Italia. In tal senso capiremo molte cose in questi giorni nei quali i casi di contagio sono molto circoscritti e la ripartenza si sta dimostrando efficace. Serve la collaborazione da parte di tutte le parti in causa”. Ed un altro aspetto importante è quello che riguarda i tamponi rapidi, sui quali bisognerà apporre l’accento.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, riprende la sperimentazione del vaccino Astrazeneca