Raffaele Sollecito | condanna per la poliziotta che lo arrestò

La donna che arrestò Raffaele Sollecito ed Amanda Knox ha ricevuto una condanna per due capi di imputazione. Lui rilascia un messaggio ironico.

Raffaele Sollecito poliziotta arrestata
Arrestata la poliziotta che mandò un carcere Raffaele Sollecito ed Amanda Knox Foto dal web

Si toglie più di un sassolino dalla scarpa, Raffaele Sollecito. E lo fa all’indomani della notizia della condanna della poliziotta Monica Napoleoni, che arrestò sia lui che la sua allora ex fidanzata Amanda Knox. Questo nel novero dell’omicidio di Meredith Kercher, avvenuto a Perugia il 1° novembre 2007.

LEGGI ANCHE –> Sollecito: “Persi 8 anni della mia vita”, 12 anni fa l’omicidio di Meredith

Entrambi rimasero in carcere per diverso tempo, prima di vedere qualunque accusa nei loro confronti decadere in aula. “Capo della squadra omicidi quando indagarono nel caso Kercher. Poi in tribunale per anni mi sono sentito dire che sono persone oneste ed encomiabili” scrive Raffaele Sollecito sul suo profilo personale Facebook. Le vicissitudini giudiziarie di Sollecito e della Knox durarono per 7 anni. Ma negli ultimi 8 la Napoleoni si è trovata a sua volta sotto giudizio ed ora per lei è giunta una condanna a 3 anni e 3 mesi di reclusione per abuso di potere in un procedimento che la vedeva contrapposta con il suo ex marito. La Napoleoni avrebbe sfruttato per l’appunto il fatto di essere un rappresentante delle forze dell’ordine.

LEGGI ANCHE –> Stasera in tv, Raffaele Sollecito protagonista del film “Caro Prigioniero”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Raffaele Sollecito: “Tutti parlavano bene di queste persone, meno male”

Sua vittima sarebbe una psicologa nominata dal tribunale, che da quanto si apprende avrebbe subito un accesso abusivo ai propri profili personali oltre a vedersi l’auto danneggiata. Inoltre nelle vicinanze dell’abitazione della professionista erano apparse delle scritte ingiuriose, ma di questo episodio la Napoleoni ha ricevuto l’assoluzione. Ma dovrà versare 15mila euro alla psicologa ed anche alla figlia di quest’ultima. In tutto ciò risultano esserci anche altre condanne per altri esponenti delle autorità, con due poliziotte ed altrettanti caraninieri, e l’assoluzione per tre individui. La Napoleoni aveva ricoperto il ruolo di capo della squadra omicidi ai tempi ed ora, secondo Sollecito, è lecito pensare ad una gestione infedele di quel controverso caso del 2007. Dai cui straschichi l’ex studente pugliese, laureatosi nel 2016, ha faticato a liberarsi.

LEGGI ANCHE –> Sollecito: “Nessuno mi ha chiesto mai scusa”

https://www.facebook.com/raffaele.sollecito/posts/2018622731605325