Malato di cancro | scopre la malattia esultando per un gol

Urla dopo un gol della sua squadra del cuore, un uomo scopre in questo modo di essere malato di cancro. La cosa risulta assolutamente decisiva.

Malato di cancro gol
È malato di cancro e lo viene a sapere dopo un gol della sua squadra Foto dal web

Un uomo ha scoperto di essere malato di cancro alle vie aree. Ma è venuto a saperlo in maniera del tutto casuale. È la vicenda capitata a Matias Bocconi, un argentino grande tifoso del River Plate. La sua squadra del cuore ha vinto la Copa Libertadores, il più importante trofeo internazionale calcistico dell’America Latina.

LEGGI ANCHE –> Scambiano un cancro per una verruca, 23enne si sposa poco prima di morire

I ‘Millonarios’ riuscirono a battere per 3-0 la compagine messicana del Trigres. Il tutto avvenne nel mese di agosto del 2015. A distanza di cinque anni Matias ha parlato della sua vicenda su una pagina Facebook dedicata al River, ‘La Pagina Millonaria’. Capitò che i biancorossi andarono in gol e questo porto l’uomo malato di cancro ad urlare a squarciagola. Lui non sapeva di essere affetto dal male e subito dopo venne colpito da una tosse cronica e persistente, che per un mese non ne voleva sapere di andare via.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Carolyn Smith | fra tumore e lockdown è dimagrita di 12 kg | VIDEO

Malato di cancro, scopre la malattia grazie ad una esultanza per un gol

Quattro settimane dopo lui si rivolse ad un medico ed alcuni esami clinici gli fornirono la terribile diagnosi. Ma c’era una buona notizia: il tutto era venuto alla luce in maniera tempestiva, permettendo quindi di potere intraprendere le cure necessarie per sconfiggere la malattia prima che la stesse evolvesse di stadio e potesse diventare più pericolosa. Fare più tardi avrebbe potuto significare morte certa. Invece Matias è riuscito a sopravvivere battendo il tumore. E tutto questo grazie alla sua squadra del cuore.

LEGGI ANCHE –> Mamma “fiuta” il cancro della figlia: pochi giorni dopo arriva la diagnosi