Lavorare in vacanza: come farlo e che vantaggi ci porta?

Lavorare in vacanza tutto l’anno si può: ecco come fare south working.

viaggio di lavoro
Nomad work Concept Image Computer Coffee Mug and Telephone large windows and sun rising, focus on coffee mug

Durante il lungo periodo di lock down che abbiamo vissuto in questo 2020 c’è stata una novità che per alcuni è stata piuttosto particolare e piacevoli ossia lo smart working. Chiaramente non è una condizione facile: spesso i lavoratori hanno perso magari il proprio posto, oppure si sono ritrovati ad avere uno stipendio ridotto proprio perché lavoravano da casa. Ma chi ha mantenuto le proprie condizioni economiche e si è trovato semplicemente a dover lavorare da casa ne ha assolutamente tratto dei benefici.

Lo smart Working permette di continuare il proprio lavoro ma senza l’obbligo di dover andare in ufficio, di doversi vestire bene, di doversi relazionare con colleghi che magari non ci stanno troppo simpatici. Ed ecco che, allora, anche se ora gli uffici hanno riaperto e quasi tutti possono tornare a fare la vita lavorativa di prima molti hanno deciso di rimanere in Smart working. E c’è stata una declinazione di questa realtà che si chiama South Working. Altro non è che il fatto che molte persone che normalmente vivono magari a Milano Torino, Brescia, ma che sono originarie del sud Italia per effettuare lo smart Working hanno deciso di tornare nel loro paese di origine.

Lavorare al Sud è una nuova tendenza che sembra un po’ far sentire tutti come se fossimo ancora in vacanza. Coloro che sono abituati appunto a trascorrere la maggior parte dell’anno in città più grigie, più fredde, l’idea di continuare a lavorare, ma da casa magari con la vista mare e perché no, coccolati anche da genitori amici e parenti è assolutamente interessante.

I benefici di lavorare… in vacanza

I valori e gli stimoli che può dare questa tipologia di smartworking sono moltissimi. Infatti se avete deciso di continuare questa via del Lavoro da casa al sud, pensate che potreste pensare di aiutare in qualche modo anche l’economia locale. Ad esempio, potreste pensare di creare una sorta di co-working con tutti coloro che sono tornati al sud. Oppure Cercare di alloggiare in un b&b o in un bed and breakfast. Se infatti non avete parenti ma avete deciso comunque di lavorare in una località bellissima che vi stimoli e che vi faccia riempire il cuore di gioia quando aprite la finestra al mattino sappiate che ci sono dei su Airbnb e anche su diversi siti bed and breakfast con delle offerte anche per a lunga permanenza.

Potreste anche pensare di invece non lavorare al sud, ma lavorare in montagna se la vostra idea di vacanza è questa. Potreste cercare di alloggiare magari nelle colline del Chianti o sul Lago di Garda. Oppure nelle montagne più selvagge del Trentino e della Valle d’Aosta per essere quindi sempre immersi nella natura che, ormai lo sappiamo benissimo, è un elemento assolutamente fondamentale e cruciale per il nostro benessere psicofisico.

Insomma lo smart working declinato nel mood lavorare in vacanza, ormai è una sorta di moda, una tendenza e per tutti coloro che hanno la possibilità di farlo diventa anche l’occasione giusta magari per poter viaggiare senza perdere  giorni di lavoro.

ThinkStock