Home News Incidente Zanardi, la perizia esclude danni all’asfalto e all’handbike

Incidente Zanardi, la perizia esclude danni all’asfalto e all’handbike

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:28
CONDIVIDI

Sono giunti i risultati della perizia effettuata dalla procura sull’incidente di Zanardi: ecco cosa è emerso.

Lo scorso giugno Alex Zanardi stava partecipando ad una staffetta su handbike nel senese quando, per cause ancora in via di accertamento, la sua traiettoria si è allungata sulla corsia opposta e l’atleta si è scontrato contro un camion. Come sappiamo Alex ha vissuto un lungo ricovero in ospedale, durante il quale è stato sottoposto a diversi interventi chirurgici al cervello al fine di ridurre i danni causati dall’urto. Al momento il campione si trova in riabilitazione, ma nessuno sa dire quali possano essere i tempi di recupero.

Leggi anche ->Alex Zanardi, la rivelazione di Pancalli: “Sta lottando al massimo”

Mentre Zanardi lotta per la propria vita, la Procura di Siena ha aperto un’indagine sull’incidente e cerca di ricostruire la dinamica dell’accaduto. L’unico indagato è l’autista del camion, il quale però non ha nemmeno visto l’atleta che gli veniva addosso. L’indagine a suo carico è infatti considerato un atto dovuto al fine di aprire l’indagine e verificare quanto successo. Non a caso proprio la procura aveva richiesto una perizia sul manto stradale e sull’handbike di Zanardi per capire se proprio un danno alla superficie o al mezzo avessero causato la perdita di traiettoria.

Leggi anche ->Alex Zanardi, il neurochirurgo gela tutti: “Cosa accadrà nei prossimi mesi”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Incidente Zanardi: nessun danno all’asfalto e all’handbike

I periti hanno riscontrato che la causa dell’incidente non è legata ad un danneggiamento dell’asfalto o ad un malfunzionamento del veicolo. In base alle analisi effettuate, infatti, il manto stradale è stato travato non ammalorato, ovvero privo di avvallamenti o buche. Per quanto riguarda l’handbike, i periti non hanno trovato danni precedenti all’urto. Scartata anche l’ipotesi che il cellulare o il navigatore fossero difettosi, i danni su questi strumenti sono stati causati dall’impatto. Resta dunque da capire come mai Zanardi abbia allargato la traiettoria mentre affrontava la curva in discesa.

Alex Zanardi