Germania | Hansa Rostock-Stoccarda con stadio quasi pieno | VIDEO

0
3

In Germania il Coronavirus non basta a tenere chiuso lo stadio in Hansa Rostock-Stoccarda di coppa. Ed è aspra polemica per quanto successo.

germania coronavirus hansa rostock stoccarda
In Germania Hansa Rostock e Stoccarda si incontrano in uno stadio vicino al tutto esaurito Foto dal web

Fa discutere quanto accaduto in occasione di Hansa Rostock-Stoccarda, partita giocata per la Coppa di Germania. Infatti nello stadio della squadra di casa gli spalti hanno accolto circa 7500 spettatori. Una cosa che ha destato preoccupazioni e polemiche, dal momento che l’epidemia di Coronavirus è ancora in atto, in particolar modo in Germania.

LEGGI ANCHE –> Salutare con il gomito | l’Oms spiega perché è sbagliato | FOTO

E questa situazione ha rappresentato una per nulla felice eccezione. In Inghilterra ad esempio, proprio nel fine settimana appena trascorso è cominciata la Premier League, l’equivalente della nostra Serie A. E tutte le compagini chiamate in casa sono scese in campo a porte chiuse, senza alcuna presenza di pubblico. Allo stesso modo anche altri eventi sportivi non prevedono l’ingresso agli spettatori dal vivo, come gli Internazionali di Tennis a Roma. Fanno eccezione la Formula 1 e la MotoGP. Sempre nel weekend dell’11, 12 e 13 settembre, l’impianto motoristico del Mugello ha accolto circa 9mila spettatori suddivisi in 3mila al giorno. Ma ben dislocati sulle tre grandi tribune del circuito di Scarperia, che si estendono su di uno spazio ben più ampio di uno stadio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Arcuri: “Oggi è un giorno di festa, scuole riaperte”

Germania, nonostante il Coronavirus lo stadio è quasi sold-out

E sabato 19 settembre riparte anche la Serie A, ancora senza pubblico. Invece in Hansa Rostock-Stoccarda la scelta di fare entrare le persone per guardare la partita dal vivo è parsa una cosa alquanto fuori luogo e contro le regole di sicurezza. Infatti è evidente come non sia stato affatto rispettato il richiesto distanziamento sociale, diventato una regola di importanza vitale in periodo di epidemia assieme all’utilizzo della mascherina. L’impianto dell’Hansa Rostock tra l’altro è andato molto vicino a raggiungere la capienza massima. Le autorità locali temono che possano sorgere nuovi focolai di Covid, e ci si chiede come sia possibile fare accadere qualcosa del genere.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il ministro Speranza: “Altri sei mesi di resistenza”