Covid, nuova ordinanza in Lombardia: mascherina all’aperto se non c’è distanza

0
10

Nella nuova ordinanza in vigore da oggi in Lombardia viene mantenuto l’obbligo di mascherina al chiuso e dove non c’è distanza all’aperto.

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha firmato ieri una nuova ordinanza Covid che entrerà in vigore a partire dalla giornata di oggi. Il punto sostanziale riguarda l’utilizzo della mascherina che, ovviamente, viene confermato nei luoghi al chiuso. Si specifica anche che sarà necessario utilizzarla anche all’esterno, nel caso in cui ci si trovi in una situazione in cui non è possibile mantenere la distanza di sicurezza.

Leggi anche ->Mascherina Covid, Burioni: “Un sacrificio minimo, senza controindicazioni”

Rimane obbligatoria anche la misurazione della temperatura nei ristoranti e nei luoghi di lavoro. Sia il datore di lavoro che i dipendenti ed i clienti dovranno sottoporsi al test della temperatura. Qualora qualcuno presenti una temperatura superiore ai 37.5°,  non sarà permesso l’ingresso alla sede. In caso di dipendenti con temperatura elevata sarà cura del responsabile (il datore di lavoro) comunicarlo al soggetto ed ai suoi contatti lavorativi.

Leggi anche ->Test sierologici | a scuola non tutto il personale li ha svolti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Covid, in Lombardia si consiglia di misurare la temperatura a Scuola

Lo stesso discorso viene suggerito per gli ingressi a scuola. Sebbene in questo caso non ci sia l’obbligo, viene comunque “fortemente consigliato” di misurare la temperatura all’ingresso sia agli alunni che agli eventuali genitori accompagnatori. Come nel caso degli altri posti di lavoro, in caso di temperatura superiore a 37,5° non sarà consentito l’accesso alla sede ad entrambi. Questo anche nel caso in cui solo uno dei due presenti una temperatura superiore a quella limite. A chi dovesse avere la febbre, verrebbe inoltre consigliato di contattare il medico di famiglia.

Se per quanto riguarda i trasporti pubblici e quelli scolastici nell’ordinanza si lascia invariato quanto stabilito il mese precedente, il Presidente della Regione chiede di mettere all’ordine del giorno la gestione degli sport di base e della presenza agli eventi sportivi. Questione di non poco conto visto che tra qualche settimana verrà dato inizio agli eventi sportivi professionali.