Home News Assegno unico a partire da gennaio 2021: chi ne potrà usufruire

Assegno unico a partire da gennaio 2021: chi ne potrà usufruire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:38
CONDIVIDI

Il dl sull’assegno unico per i figli a carico giunge in Senato, scopriamo chi ne può usufruire e a quanto ammonta.

Lo scorso luglio il governo ha presentato alla camera dei deputati il disegno legge sull’assegno unico per i figli. Si tratta di una misura di sostegno alle famiglie con figli a carico che prevede la concessione di un assegno mensile dal settimo mese di gravidanza al 21° anno di età. Nel disegno legge si prevede che ci sia una maggiorazione del’assegno a partire dal terzo figlio e che la somma sia già più alta nel caso il figlio nasca con qualche disabilità.

Leggi anche ->Bonus figli, novità in arrivo: assegno unico dalla gravidanza ai 21 anni

La proposta è stata accettata unanimemente dal parlamento con maggioranza e opposizione che per una volta si sono trovate d’accordo sulla necessità di approvare la misura. Adesso il dl è giunto al Senato e prima di una approvazione definitiva bisognerà trovare le coperture economiche e mettere ordine tra assegni e misure già esistenti. L’assegno unico andrà a sostituire i vari bonus bebè e bonus nascita (misure che si esaurivano al primo anno di età del figlio), nonché le detrazioni. Ovviamente affinché  possa essere conveniente va potenziato.

Leggi anche ->Family Act, assegno universale per i figli: “Dalla nascita fino ai 21 anni”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Assegno unico: a chi spetta e a quanto ammonta

Come spiegato, se il dl diverrà legge l’assegno unico verrà corrisposto a partire dal settimo mese di gravidanza sino al 21° anno di età del figlio. A partire dal raggiungimento della maggiore età, l’assegno mensile potrà essere consegnato direttamente al figlio. Si tratta di un assegno mensile, il cui ammontare però non è stato ancora deciso. Molto dipenderà dalle coperture e dunque dal finanziamento che il governo darà alla misura. Si è parlato in questi mesi di una cifra mensile che oscilla tra i 200 ed i 300 euro.

L’assegno unico potrà essere richiesto da tutti i cittadini italiani, sia comunitari che extracomunitari. In questo secondo caso bisognerà che i richiedenti siano in Italia da almeno due anni (non necessariamente un periodo di tempo continuativo) ed abbiano un permesso di soggiorno lungo. Il bonus sarà concesso sia ai dipendenti che ai liberi professionisti, ai lavoratori autonomi ed ai disoccupati.

Per quanto riguarda il problema delle coperture si ritiene che annualmente ci vorranno circa 25 miliardi di euro. 15 verranno presi dalle precedenti misure di agevolazione della natalità, ma gli altri dieci vanno trovati. Per quest’anno si pensa che la somma possa essere presa dal Recovery Fund, ma si tratta di una soluzione temporanea, visto che a partire dall’anno prossimo questo afflusso di denaro verrebbe a mancare.