Bonus di 300 euro per chi paga con la carta a partire dall’1 dicembre

0
8

Il governo ha deciso di incentivare gli italiani a pagare con la carta di credito o di debito con un bonus di 300 euro: ecco a chi spetta.

Già lo scorso autunno Giuseppe Conte aveva presentato l’idea del governo per contrastare il nero attraverso la concessione di bonus a chi utilizza la carta per i propri pagamenti. L’idea si tramuterà in realtà a partire dal prossimo 1 dicembre. Il controllo dei pagamenti attraverso le transazioni con le carte di credito o debito è l’idea studiata per ridurre ulteriormente la circolazione di contante e dunque l’emissione nel mercato di denaro proveniente da lavori pagati in nero.

Leggi anche ->Dal 1 luglio si pagano i professionisti col Pos: ecco perché è vantaggioso per tutti

Ovviamente tale misura è accompagnata da una riduzione del contante con cui è possibile pagare qualcosa o effettuare un versamento. Già adesso il tetto massimo di contante è stato abbassato da 2.999.999 a 1.999.999 e a partire dal gennaio del 2022 verrà ulteriormente abbassato a 999.999. In questo modo si spera di dare un giro di vite al sommerso e all’evasione fiscale che ogni anno costa allo stato 109 miliardi di euro.

Leggi anche ->Bonus scontrini e incentivi per l’uso della carta, la ricetta di Conte contro l’evasione

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bonus di 300 euro per chi paga con le carte: a chi spetta

Per cambiare l’abitudine degli italiani a pagare con il contante bisogna invogliarli. Per questo motivo il governo ha previsto un bonus di 300 euro per coloro che arrivano a spendere 3000 euro all’anno a partire dal prossimo 1 dicembre. Per rendere maggiormente agevole un simile traguardo c’è bisogno di rendere agevole anche il pagamento di piccoli importi con le varie carte di credito. Al momento, infatti, ci sono alcuni esercenti che si oppongono ai pagamenti con carta per i piccoli importi.

Il motivo di tanta fiera opposizione sono i costi di commissione troppo alti. Sarà dunque necessario abbassarli per rendere il pagamento con carta un’abitudine condivisa in Italia come nel resto dell’Europa. Per controllare che i pagamenti siano stati effettivamente effettuati il governo dovrà ottenere il consenso del garante della privacy e trovare un accordo con tutti i circuiti di pagamento affinché le spese dei consumatori possano giungere direttamente all’agenzia delle entrate.