Home News Test sierologici | a scuola non tutto il personale li ha svolti

Test sierologici | a scuola non tutto il personale li ha svolti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:02
CONDIVIDI

Situazione test sierologici scuola, la risposta in merito all’effettuazione dello screening non raggiunge i picchi sperati.

test sierologici scuola
Screening test sierologici scuola Foto dal web

Il quotidiano ‘La Repubblica’ riferisce che solo un docente su quattro ha effettuato i test sierologici, nonostante si tratti di un trattamento gratuito ed importante per rilevare la eventuale presenza degli anticorpi al Coronavirus.

LEGGI ANCHE –> Covid, piano nazionale segreto: i tre scenari delineati dal governo

La cosa viene fuori analizzando i dati che provengono da Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia, Liguria, Toscana, Campania, Lazio e Sicilia. La campagna di sicurezza promossa dalle varie regioni ha coinvolto anche altre figure, tra supplenti, dirigenti e personale amministrativo della scuola. In Campania il governatore Vincenzo De Luca ha deciso di rendere obbligatori i test sierologici per tutto il personale che lavora nella scuola. Mentre nel resto d’Italia risulta essere facoltativo. Lo stesso De Luca, candidato per un nuovo mandato alla presidenza della Regione, fa sapere che ci saranno risultati certi dall’effettuazione dei tamponi entro le 24 ore successive. Mentre di solito occorre attendere almeno 3-4 giorni per un primo risultato.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Matrimonio Coronavirus | per un solo positivo in 100 vanno in quarantena

Test sierologici, per la sicurezza della scuola sono diverse le misure da adottare

E sempre De Luca svela che la sua amministrazione ha stabilito l’acquisto di termoscanner da installare agli ingressi negli edifici scolastici. Una ulteriore misura che si affiancherà alla misurazione della temperatura corporea da svolgere su ogni alunno a casa. In Campania il nuovo anno scolastico comincerà il prossimo 24 settembre, con la data di avvio spostata in avanti rispetto all’appuntamento fissato in origine dal Ministero dell’Istruzione per il giorno 14. Lì, come nel resto d’Italia, verranno adottate tutte le misure di sicurezza del caso per garantire la sicurezza di studenti e personale della scuola.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Marina Berlusconi positiva: si trova in isolamento