Home News Giulia Ragazzini hackerata, Miss Europa perde Instagram: “Un danno da 100 mila...

Giulia Ragazzini hackerata, Miss Europa perde Instagram: “Un danno da 100 mila euro”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:08
CONDIVIDI

Giulia Ragazzini, Miss Europa, è stata hackerata sul suo profilo Instagram. L’influencer sente di aver perso tutto a causa del profilo da centinaia di migliaia di followers.

Giulia Ragazzini, vincitrice di Miss Europa nel 2019 e fashion influencer, è stata vittima di un crudele attacco da parte degli hacker. Il suo profilo Instagram, da più di 400 mila followers, le è stato rubato con l’inganno. Ma come hanno fatto ad illuderla?

LEGGI ANCHE -> Stati Uniti, hackers cinesi rubano informazioni sul vaccino Covid-19

LEGGI ANCHE -> Attacco hacker alla biglietteria automatica | immagini a luci rosse | FOTO

Fino a pochi giorni fa avevo un profilo Instagram da 470 mila followers, valeva centinaia di migliaia di euro. Adesso non ho più nulla“, ha detto Giulia Ragazzini, Miss Europa 2019. Originaria di Roma, classe 1996, per l’influencer l’incubo è iniziato con una proposta della creazione da parte di un altro profilo Instagram verificato, di una fanpage su Wikipedia India. Per la realizzazione, la Miss avrebbe solo dovuto fornire una biografia completa con dati sensibili e una quota di 250 dollari per le spese di gestione. “Lo so, sono stata sciocca a fidarmi, ma quella persona mi ha fornito molte prove e ci sono cascata“, ha detto la giovane.

LEGGI ANCHE -> Bug di WhatsApp consente agli hackers accesso al computer

L’hacker sta truffando i miei contatti

Con le informazioni ottenute, per l’hacker è stato semplice impossessarsi dell’account, rimuovere le foto e accedere ai suoi contatti. “E’ un danno da 100 mila euro“, dice la Miss che non potrà onorare i contratti già firmati con i brand con i quali collabori. Giulia si è rivolta all’assistenza di Instagram: “Uno scandalo. Centinaia di segnalazioni anche tramite avvocato e altri profili. Nessuna risposta“. La sua ultima possibilità è rivolgersi ad un esperto informatico privato. “La cosa che non riesco a sopportare è che questo individuo ora stia provando a truffare i miei contatti. Per favore, fate attenzione e non fidatevi. Non sono io a scrivervi“, ha concluso Giulia Ragazzini.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!