Home News Veronica muore cadendo in un dirupo, il padre: “Era dietro di me”

Veronica muore cadendo in un dirupo, il padre: “Era dietro di me”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:12
CONDIVIDI

La giovanissima Veronica è morta durante una gita in montagna con i genitori e la sorella gemella: avrebbe compiuto 18 anni tra poco.

Nata di sette mesi insieme alla sorella gemella Silvia, Veronica Copeta era una studentessa diligente ed una ragazza dolce e timida. Domenica mattina si era alzata di buon umore e forse vogliosa di vincere quella timidezza che l’aveva un po’ frenata nella prima fase della sua vita. A raccontarlo è la mamma, Germana, che al ‘Corriere‘ spiega: “Veronica era un po’ timida, quando aveva a che fare con gente sconosciuta mandava avanti la sorella. E invece l’altra mattina, al bar, è andata lei a ordinare cappuccino e brioche. Sembra una cosa banale ma per una come lei non lo era”.

Leggi anche ->11enne resta paralizzata dal petto in giù: “Malattia colpisce 1 su 1 milione”

In programma c’era un percorso montano affrontato con i genitori e la sorella Silvia decine di volte. La famiglia si stava recando al lago di Aviolo, sito a 1930 metri di altezza al termine del percorso 21 dell‘Alta Valcamonica. Si tratta di un percorso semplice che possono portare a termine anche dei bambini. Insomma tutto lasciava supporre che si sarebbe trattato di un giorno sereno, di un’altro ricordo da aggiungere a quelli in famiglia.

Leggi anche ->Mamma disperata, bimba muore dopo il parto come morirono le sorelline

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Veronica cade durante la salita e muore, il dolore del padre: “Era dietro di me”

Durante la salita accade qualcosa di impensabile, Veronica perde l’equilibrio e precipita. Per la ragazza non c’è nulla da fare e per i suoi cari non resta che piangerne la morte. La madre non sa cosa sia esattamente successo: “Ho sentito un rumore, mi sono voltata e lei era già volata giù, strano che non abbia nemmeno urlato. Magari ha avuto un malore, magari è inciampata, è scivolata, vai a saperlo…”.

Quel giorno stesso la loro casa si riempe di amici e parenti giunti a dare l’estremo saluto alla giovane e portare i propri omaggi e le proprie condoglianze alla famiglia. Il padre di Veronica non riesce a capacitarsi, ripete di continuo: “era dietro di noi, a un certo punto è caduta…”. La sorella è distrutta e si chiede come farà senza quella sorella con cui aveva condiviso tutto. La madre, di professione psicologa, sa che una volta seppellita la figlia arriverà il periodo più duro: “In teoria so cosa aspettarmi a questo punto e in questa situazione. Non le so dire se sono spaventata da ciò che vivrò dopo, quando questi giorni di caos e di abbracci saranno finiti. Ma so che se ho potuto io condividere il dolore degli altri che si affidavano a me, e aiutarli, allora posso affidarmi anch’io agli altri e farmi accudire”.