Corteolona e Genzone | muore Giancarlo Cattaneo | punto di riferimento

Giancarlo Cattaneo era una personalità di spicco di Corteolona e Genzone. Lì aveva fondato la locale Protezione Civile e lo vedevano come eroe.

Corteolona e Genzone Cattaneo
Lutto a Corteolona e Genzone per la scomparsa di Giancarlo Cattaneo Foto dal web

A Corteolona e Genzone, in provincia di Pavia, la comunità locale piange la scomparsa di Giancarlo Cattaneo. Si trattava di una figura molto conosciuta e stimata sul territorio.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, chiuse le prime scuole: è successo in Calabria

Punto di riferimento per la locale Protezione Civile – aveva fondato la sezione del posto nel 2006 – e molto attivo anche in altre attività di volontariato, Cattaneo è deceduto purtroppo a seguito di un brutto male del quale soffriva da tempo. Aveva 71 anni. La scomparsa è avvenuta a metà della scorsa settimana. Tutta Corteolona e Genzone si stringe nel lutto e piange il suo illustre concittadino, capace di guadagnarsi diversi attestati di lustro e di stima. Ad esempio in passato vinse la benemerenza e la medaglia d’oro da parte della locale amministrazione per il suo prodigarsi in favore degli altri. ‘Tato’, come era soprannominato Cattaneo, si faceva in quattro per fornire assistenza medica e di qualunque altro tipo a chiunque ne avesse bisogno.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Berlusconi Covid | l’impazienza lascia spazio alla consapevolezza

Corteolona e Genzone, Giancarlo Cattaneo era un vero e proprio punto di riferimento

La Protezione Civile del posto ne ricorda la figura omaggiandolo con parole struggenti. E di Giancarlo ricorda le vere e proprie imprese alle quali aveva preso parte, anche al di fuori della provincia di Pavia e della Lombardia. Lui era stato tra i soccorritori che avevano dato una mano a seguito degli allagamenti che avevano colpito la Liguria ed il Veneto nel corso degli anni. E non si era tirato indietro quando si era trattato di aiutare L’Aquila a seguito del terremoto del 2009. A piangerlo sono in particolare la moglie Anna, la loro figlia Chiara con il suo compagno e la loro figlioletta.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Speranza: “Il vaccino sarà pronto entro la fine dell’anno”